Teatro: Teatro di Roma, ‘mai trattato con sufficienza rilievi dei Revisori dei Conti’ (2)

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – Il Teatro di Roma ha “chiarito all’organo di controllo che le attività svolte dai consulenti sono un servizio irrinunciabile ed essenziale alla struttura interna per garantire la missione di Teatro pubblico plurale”.

“Occorre precisare che per questo intervento di supporto amministrativo e gestionale è comprovata l’inesistenza di alcun danno erariale e di alcun rischio di lavoro subordinato dei consulenti, i cui apporti professionali sono volti alla fluida operatività del Teatro -sottolinea con fermezza la nota- La pluralità e diversità degli incarichi di consulenza non implicano una duplicazione delle prestazioni né una sovrapposizione, al contrario ciascuna professionalità specialistica garantisce competenze e risorse urgenti e necessarie affinché il Teatro possa proiettarsi con rinnovato slancio ad affrontare non solo la crisi emergenziale da Covid-19, ma anche la sfida culturale di consolidarsi come Istituzione di riferimento per la comunità e a difesa del valore dell’arte e degli artisti”.

Nella sua lunga nota il Teatro di Roma chiarisce come avviene la selezione e l’affidamento delle consulenze: “Gli incarichi di consulenza oggetto delle specifiche segnalazioni effettuate non necessitano di una procedura di evidenza pubblica – spiega- poiché sono contratti sottosoglia (pari a 40mila euro e oggi individuata a 75mila per le forniture di beni e servizi) e, nella maggior parte dei casi, caratterizzati dalla particolare rilevanza delle qualità personali dei soggetti contraenti”.

Questo articolo è stato letto 5 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net