ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Mafia: blitz a Gela, 'Chiudi o ti uccidiamo', costretto a chiudere per minacce boss-Mafia: blitz a Gela, 'Chiudi o ti uccidiamo', costretto a chiudere per minacce boss (2)-Nuovo premio per gli Uffizi dalla prestigiosa rivista internazionale "Apollo Magazine"-Cinema: è morto Tommy Lane, cattivo di 'Agente 007 - Vivi e lascia morire'-dl Capienze: Camera, alle 13 voto fiducia, stasera via libera finale-Economist: è Tel Aviv la città più cara al mondo, a Roma il crollo più forte-Covid: Brasile, individuati due casi di Omicron, i primi in America Latina-Droga: sgominata piazza di spaccio a Palermo, 12 arresti-**Quirinale: Letta, 'Berlusconi? Con candidato bandiera governo cade giorno dopo'**-Quirinale: Letta, 'spero eletto da larga maggioranza, anche da opposizione'-**Eutanasia: Letta, 'lancio appello a tutte forze politiche, no a battaglia ideologica'**-Quirinale: Letta, 'Berlusconi? Non è candidatura che possa essere votata da Pd'-Quirinale: Letta, 'non può che essere a larga maggioranza o cade governo'-Centrosinistra: Letta, 'c'è anche Renzi? Parliamo a elettori'-Pd: Letta, 'primo partito? Guardo sondaggi con distacco, tanti gli indecisi'-Centrosinistra: Letta, 'no a coalizione di sigle ma di cittadini, Agorà servono a questo'-Sparatoria in una scuola del Michigan, 15enne uccide 3 studenti-Cannabis: Letta, 'voglio portare Pd su posizione comune'-Pd: Letta, 'nostre battaglie? siamo 12% parlamento...'-Eutanasia: Letta, 'referendum? Intanto ottenuto testo suicidio assistito in aula il 13/12'

Scuola, sciopero studentesco contro doppia fascia oraria a Viterbo: “Vogliamo avere il tempo”

Condividi questo articolo:

Roma, 22 ott. (Adnkronos) – Proseguono le mobilitazioni degli studenti nel Lazio per l’eliminazione della doppia fascia oraria di ingresso a scuola. A Roma è stato sgomberato il liceo artistico Ripetta. Mentre a Viterbo hanno scioperato il liceo classico Mariano Buratti, lo scientifico Ruffini, l’Istituto superiore Orioli e il Giuseppe Colasanti. “Prima di essere studenti – dice all’Adnkronos Bianca Piergentili, rappresentante del Liceo Buratti di Viterbo e segretaria della Rete degli studenti medi – siamo persone e non possiamo più sostenere dei ritmi così stressanti, tornando a casa a pomeriggio inoltrato. Vogliamo avere il tempo di studiare, dedicarci ai nostri hobby e ai nostri interessi. Questa non è la scuola che vogliamo”.

“A Viterbo erano in oltre 500 in corteo per le vie del centro – riferisce all’Adnkronos Luca Ianniello, coordinatore nazionale della rete degli studenti medi – Gli studenti sono in contatto con il Prefetto e pare ci sia maggiore dialogo costruttivo rispetto a Roma, dove la soluzione è più problematica. La situazione è grave. In particolare nella Capitale il disagio legato agli orari di uscita rischia di soffocare la vita dei ragazzi. Pensiamo vada trovata subito una soluzione alternativa ed intrapresa immediatamente una discussione seria sulla modifica degli scaglionamenti”.

Questo articolo è stato letto 9 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net