Pci: Aimi (Fi), ‘comunismo italiano non ha fatto conti con la propria storia’

Condividi questo articolo:

Roma, 27 gen. (Adnkronos) – “Il comunismo italiano compie 100 anni e si vedono tutti. Non possiamo comprendere la storia di quel partito se non cominciamo a valutare il suo collegamento a livello internazionale. Il Pci faceva parte dell’Internazionale comunista che ha provocato oltre 100milioni di morti in tutto il mondo. Mentre si chiudevano i lager si aprivano i gulag. Non si può augurare lunga vita al comunismo, un bandito appostato sulla strada della civiltà occidentale. Il comunismo italiano deve ancora fare i conti con la propria storia: con i rubli arrivati da Mosca, con i rifugiati a Praga, con il ‘Triangolo della morte’, una pagina di storia che dobbiamo ancora scrivere per quella che è realmente stata, con il dramma delle Foibe e con altri gravissimi delitti taciuti e nascosti”. Lo afferma il senatore Enrico Aimi, capogruppo di Forza Italia in Commissione Affari esteri e Coordinatore regionale Emilia Romagna.

Questo articolo è stato letto 3 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net