ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

**Governo: 10 giorni per puntellarlo, bivio rimpasto o Conte ter in attesa ‘stampella’** (2)

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – “La verità – confida un ministro grillino – è che in una condizione di questo tipo fare un rimpasto è difficilissimo, figuriamoci un nuovo governo: il Movimento rischia di diventare una maionese impazzita. Chiedere un passo indietro a un ministro in carica non è cosa di poco conto, figuriamoci con un mandato scaduto o comunque claudicante. Cosa metti sul piatto? Cosa mai puoi offrire? Oltretutto con l’incertezza sulla deroga al doppio mandato”. Per non parlare di un governo nuovo di zecca, “chi tratterebbe per il Movimento?”, la domanda che rimbalza.

D’altronde non è un mistero che, come anticipato domenica scorsa dall’Adnkronos, sia stato un esponente grillino di peso, in stanza a P.Chigi, a far saltare le trattative con l’Udc, con una telefonata a Lorenzo Cesa in cui venivano messe sul piatto le sole caselle lasciate vuote da Iv.

Ma il sentiment non è condiviso in tutto il Movimento, anzi. Il gruppo parlamentare ribolle -anche per il ritorno, nelle file della maggioranza, di ex grillini invisi ai più- molti chiedono un ‘restyling’ della squadra di governo. E poi ci sarebbe la questione Di Battista: nei giorni scorsi l’ex deputato ha detto di essere a disposizione, anche se non per forza per un ministero. “Ormai è uno dei principali sostenitori di Conte – ragiona un esponente dell’esecutivo – qualcosa dovremo pur dargli…”. Rimettere mano alla squadra di governo, o rifondarla dal principio, potrebbe fare deflagrare il Movimento, ed è questo uno degli ostacoli maggiori sulla strada del Conte ter.

Questo articolo è stato letto 5 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net