Elezioni: D’Elia, ‘destra ferma al passato, con voto si sceglie in che direzione andare’

Condividi questo articolo:

Roma, 23 set. (Adnkronos) – “Meloni non cancellerà la legge 194 perché sa che scatenerebbe una reazione forte e decisa da parte di tutta la società, ma farà quello che già la destra fa nelle regioni dove governa: proverà in tutti i modi a non applicarla e a boicottarla”. Così a radio Immagina, Cecilia D’Elia, Portavoce della Conferenza delle donne democratiche e candidata al Senato per il Pd al collegio plurinominale Lazio 1.

“Capisco il tentativo di presentarsi come una proposta politica nuova, ma la realtà è che conosciamo bene la natura di Fratelli d’Italia, perché hanno avuto ruoli di governo e perché sono alla guida di regioni, come le Marche per fare un esempio, dove i diritti delle donne sono ostacolati. La differenza tra destra e sinistra esiste e in questa campagna elettorale, seppur breve, è apparso evidente: il paese domenica sceglierà la direzione che vuole intraprendere. C’è una destra sovranista e una sinistra democratica e progressista. Andare a votare, partecipare e scegliere è fondamentale”.

“Gli anni che abbiamo e stiamo trascorrendo, dalla pandemia alla crisi climatica, passando per la guerra e l’emergenza umanitaria, hanno cambiato la politica, il Partito Democratico è stato protagonista in Europa di un cambio di passo, abbiamo affrontato insieme la pandemia e così deve essere per la crisi energetica. Anche qui la differenza è abissale tra la sinistra e la destra che è rimasta ferma al passato e che in questa campagna elettorale si è presentata con gli slogan del 2018, contro gli immigrati e per la flat tax”.

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net