Covid: Gallera, ‘ora mio focus su economia lombarda, priorità sono riaperture e ristori’

Condividi questo articolo:

Milano, 4 mar. (Adnkronos) – Dopo la fine dell’esperienza come assessore al Welfare della Regione Lombardia continua a occuparsi, da consigliere regionale, di emergenza coronavirus. Ma dal lato economico, sollecitando riaperture in sicurezza delle attività economiche, sportive e culturali e ristori più puntuali e precisi. Sono le nuove priorità di Giulio Gallera, consigliere di Forza Italia in Regione Lombardia, estromesso a gennaio dalla giunta regionale guidata da Attilio Fontana sull’onda delle polemiche per la gestione dell’emergenza sanitaria. Archiviato l’aspetto sanitario della crisi Covid, ora Gallera si concentra su quello sociale ed economico. “Non possiamo affrontarla pensando solo di tenere chiuso tutto”, sottolinea parlando all’Adnkronos.

Per tornare alla normalità ci vorrà del tempo, come dimostra la lentezza della fornitura di vaccini e l’incertezza sulla loro efficacia contro le varianti. Per questo, spiega, “dobbiamo riaprire alcune attività in sicurezza, come teatri, cinema, palestre, piscine” e garantire ristori “puntuali e precisi. Io sto facendo una ricognizione, perché molti ristori alla fine non sono arrivati e non arrivano”, soprattutto alle imprese dell’indotto, come gli allestitori delle fiere o le sartorie.

“Sto raccogliendo le indicazioni delle criticità che si sono presentate con questo modello di ristori, per poi trasferirle ai ministri competenti e in questo modo aiutare a risolvere tutti i problemi. Credo sia un lavoro che possa diventare prezioso”, dice Gallera. Un dialogo costante con le associazioni e le singole imprese. “Ho ricevuto centinaia di mail, andremo avanti ancora per un paio di settimane”. Mentre fra le imprese “c’è moltissima preoccupazione. La situazione è di grandissima tensione sociale”.

Questo articolo è stato letto 2 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net