Burioni: “Se mia figlia avesse 12 anni la vaccinerei subito”

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – “Ho una figlia di 10 anni. Se ne avesse 12 la farei vaccinare domattina” contro il Covid19. Parola di Roberto Burioni, ordinario di Microbiologia e Virologia all’università Vita-Salute San Raffaele di Milano. “Sopra i 40 anni ci si deve vaccinare perché il rischio derivate dalla vaccinazione è infinitesimale rispetto a quello che può derivare dal contrarre Covid. Per i ragazzi e i bambini il discorso è più complesso”, ha spiegato durante un evento in diretta sulla pagina Facebook e sui canali del Gruppo San Donato, dal titolo ‘Covid-19: una battaglia che la scienza sta vincendo’.

“Prima di tutto dobbiamo dire che in gran parte dei casi questa infezione virale decorre in maniera lieve. Ma questo non vuol dire che decorre sempre in maniera irrilevante – ha precisato – Sono state descritte problematiche più rare che non sono da trascurare. Altri due elementi sono che il bimbo, il giovane, può proteggere se stesso ed è anche un elemento importante nella circolazione. Tutti i virus circolano nelle scuole, sappiamo che l’interazione fra i bimbi e i giovani è immensamente più alta di quella che c’è tra i 50enni”.

“Molti genitori – ha proseguito il virologo – giustamente dicono: quali sono le conseguenze a lungo termine del vaccino? Non possiamo conoscerle essendo un vaccino in uso da 6 mesi, è vero, non abbiamo la macchina del tempo. Tutto quel che possiamo dire è che, nella storia dei vaccini, nessuno di quelli che abbiamo ha dato conseguenze gravi dopo 2 mesi. Il discorso sulle conseguenze a lungo termine”, ha osservato inoltre Burioni, “vale anche per l’uso dei cellulari”.

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net