covid19

COVID19: cosa fare in caso di febbre e malessere?

Condividi questo articolo:

Cosa fare se si sospetta di essere affetti da CORONAVIRUS? Quali sono i sintomi che ci devono mettere in allarme, vedi il video

covid19

Cosa fare se si sospetta di essere affetti da CORONAVIRUS? Quali sono i sintomi che ci devono mettere in allarme, vedi il video

Cosa dobbiamo fare a capire quali sintomi prendere sul serio e come muoverci tra coronavirus e le comuni forme influenzali e da raffreddamento? Guarda il video del Ministero della salute

Fondamentali a dipanare la matassa restano comunque i nostri medici di base, oltre ai numeri verdi regionali.

Ci sono poi alcune regole generali di buon senso che andrebbero adottate da tutti se la temperatura del corpo supera i 37,5 gradi, in questi casi è fortemente raccomandato:

  • restare a casa;
  • limitare al massimo i contatti sociali;
  • chiamare il medico per farsi consigliare il da farsi.

Ricordiamo ancora una volta il divieto assoluto di muoversi da casa per:

  • chi è in quarantena;
  • per chi è positivo anche se senza sintomi;
  • per chi è stato in contatto con un malato;
  • per i contagiati e malati di Covid-19.

Per tutti i cittadini non è possibile andare a trovare i malati in ospedale né persone nelle residenze sociosanitarie, lungodegenza, riabilitative: l’accesso è consentito solo su espressa indicazione della direzione sanitaria.

Cosa si rischia ad infrangere le regole

Il decreto stabilisce che chi viola le prescrizioni è punito con l’arresto fino a tre mesi e l’ammenda fino a 206 euro. Pene più gravi possono essere comminate per chi adotterà comportamenti, come ad esempio la fuga dalla quarantena per i positivi, che possono configurare il reato di delitto colposo contro la salute pubblica.

Questo articolo è stato letto 141 volte.

coronavirus, COVID19, febbre, ministero della salute, sintomi

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net