ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ucraina: Minsk, 'ostilità contro Bielorussia improbabili nel prossimo futuro'-Lavoro: Orlando, 'tema salario minimo lo impone la realtà'-Dc: Orlando, 'Bianco tra padri c.sinistra, uomo di ragionamento di una politica senza tweet'-**Pd: Bonaccini lancia 'canale ufficiale', 'scrivete e risponderò, serve energia popolare'**-Immobili: nel Triveneto investimenti stimati per un miliardo di euro-Cooperative: Meloni, 'vigilanza e autocontrollo per evitarne uso distorto'-Manovra: Orlando (Pd), 'rischia di produrre povertà e precarietà'-A2A: nel Piano Strategico 2021-2030 l’impegno per dare contributo a decarbonizzazione Paese-Sardegna, 12.000 mq di area rigenerata a Cuglieri dopo gli incendi del 2021-Alla Camera nuovo Intergruppo parlamentare 'Insieme per il cancro'-Dc: Bindi, 'Bianco evitò spostamento Ppi a destra, sostenne con lealtà Prodi'-Qatar 2022: Szczesny, 'ho perso scommessa con Messi sul rigore ma non pago, è già ricco'-Ue: Picierno, 'il3/12 a Bari con Fitto, prima tappa viaggio nel Sud'-Wartsila: Uilm, lavoratori Trieste approvano accordo, ora vigileremo su attuazione-Twitter: pace fatta fra Musk e Apple, Cook non rimuoverà il social dall'app store-Cuzzilla, 'c'è attacco al reddito fisso, è scandaloso'-Brambilla, 'numero sempre più esiguo di contribuenti paga sempre di più in tasse'-Itinerari previdenziali, welfare finanziato con fiscalità generale, onere molto gravoso-Pd: insediato Comitato costituente, al via lavori su manifesto valori e principi-De Bertoldi, 'per Rgs retroazioni fiscali valgono come coperture ma nessuno le usa'

Cecità: e se si potesse curare?

Condividi questo articolo:

I ricercatori potrebbero aver trovato una maniera per invertire la cecità

Il danneggiamento visivo è una problematica globale molto importante, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS): circa 285 milioni di persone in tutto il mondo sono considerate visivamente compromesse e 39 milioni di persone sono cieche. Fortunatamente, l’80% di tutti i disturbi visivi ad oggi può ora essere trattato o curato, tranne la perdita totale della vista, in particolare quella dovuta a una grave degenerazione retinica.

Ma cosa succederebbe se invece fosse possibile ripristinare la funzione visiva dei pazienti ciechi?

I test di laboratorio dell’Università di Oxford hanno dimostrato che questo potrebbe essere possibile e lo hanno raccontato in uno studio pubblicato sulla rivista «Proceedings of the National Academy of Sciences» (PNAS). Guidati da Samantha de Silva, i ricercatori hanno mostrato come è possibile ripristinare la vista di persone che soffrono di una cecità considerata in precedenza non trattabile.

Utilizzando una terapia genica, i ricercatori introducono un vettore virale nelle cellule retiniche presenti nella parte posteriore degli occhi che non erano originariamente sensibili alla luce. Il virus virale introduce una proteina sensibile alla luce chiamata melanopsina, che consente a queste cellule retiniche residuali di rispondere alla luce e di inviare segnali visivi al cervello.

Nei test di laboratorio effettuati con i topi affetti da retinite pigmentosa, la causa più comune di cecità nei giovani, i ricercatori hanno ripristinato la vista degli animali da oltre un anno.

I risultati sono abbastanza promettenti e de Silva ha notato quanta speranza questo trattamento sia capace di dare ai pazienti affetti da cecità. Il loro prossimo passo sarà quello di avviare una sperimentazione clinica per valutare questa cura sulle persone.

Questo articolo è stato letto 21 volte.

cecita', cura, occhi, salute, vista

Comments (3)

  • … [Trackback]

    […] There you can find 2631 additional Information to that Topic: ecoseven.net/canali/scienze/cecita-e-se-si-potesse-curare/ […]

  • … [Trackback]

    […] Here you can find 18156 additional Info on that Topic: ecoseven.net/canali/scienze/cecita-e-se-si-potesse-curare/ […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net