ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Gb: primo viaggio internazionale per principi del Galles William e Catherine-Ucraina: Gb, 'Kherson è ancora vulnerabile, resta nel raggio dell'artiglieria russa'-**Ucraina: amministrazione russa, 'è falso, non lasciamo centrale Zaporizhzhia'**-Ucraina: 4,7 milioni di rifugiati ricevono status di protezione temporanea in Europa-Csel, in era pre-crisi energetica spesa media delle bollette dei Comuni italiani era 30mila euro mese-Csel, da caro energia per Comuni rischio costi aggiuntivi per 1,6 mld quest’anno-Ucraina: Usa valutano se fornire a Kiev piccole bombe di precisione-Ue: Tajani, 'Europa senza leader, se si va avanti così saremo un vaso di coccio'-Ucraina: madri russe lanciano petizione contro la guerra-Ischia, Vigili del fuoco al lavoro anche stanotte per cercare i dispersi-Qatar 2022: Lele Adani, 'mia telecronaca? Ha parlato Messi, io ho solo trasferito'-**Pd: Nardella in campo con sindaci, 'terza via tra Bonaccini e Schlein? Lavoro per unire'**-Ischia: Calenda, 'da Conte condono pericoloso, non prenda in giro italiani'-**Lirica: inaugura stasera la stagione del Teatro dell'Opera di Roma**-**Qatar 2022: tifosi messicani, 'telecronaca Rai di parte, ha sminuito Messico'-**Ischia: Renzi, 'da Conte dichiarazioni farneticanti'**-Ischia: Renzi, 'nel 2018 non fu condono? Conte si deve vergognare'-**Musica: Daniele Silvestri chiude la doppietta romana con sold out e standing ovation**-Rdc: Conte, 'bene se fronte ampio, anche con Pd'-Rdc: Conte, 'abolizione fatta per colpire M5S? Se fosse sarebbe miserabile'

Come ripulire gli oceani dalla plastica

Condividi questo articolo:

La piattaforma galleggiante Ocean Array Cleanup e’ in grado di raccogliere 7.250.000 tonnellate di rifiuti di plastica sparsi nell’oceano in soli 5 anni

Ripulire gli oceani dalla plastica grazie ad un’innovativa piattaforma galleggiante. Stiamo parlando di ‘Ocean Array Cleanup’ uno speciale dispositivo realizzato dall’inventore diciannovenne Boyan Slat, che riuscirebbe a raccogliere ben 7.250.000 tonnellate di rifiuti di plastica sparsi nell’oceano in soli 5 anni.

La piattaforma galleggiante ‘Ocean Array Cleanup’, in particolare, è costituita da un dispositivo profondo circa 3 metri e da lunghe panne, in grado di catturare i rifiuti galleggianti. Il concetto è semplice: invece di muoversi attraverso l’oceano, le matrici estendono il raggio di azione, funzionando come un imbuto gigante. L’angolo dei bracci costringerebbe la plastica a galleggiare nella direzione della piattaforma, dove sarebbe separata dal plancton, filtrata e conservata per il riciclo.

La piattaforma galleggiante ‘Ocean Array Cleanup’ potrebbe inoltre salvare centinaia di migliaia di animali acquatici ogni anno e consentire una riduzione degli inquinanti rilasciati dalla plastica in mare (tra cui PCB e DDT).

Attualmente, l’innovativa piattaforma di Boyan Slat, attraverso un recente studio di fattibilità, ha dimostrato il suo effettivo funzionamento.

Lo studio di fattibilità, ha in particolare esaminato le proprietà fisiche dell’inquinamento generato dalla plastica e la fattibilità tecnica in termini di fluido-dinamica. È stato inoltre effettuato un test della piattaforma alle Isole Azzorre, per verificare l’assoluta assenza di effetti negativi sull’ambiente. ‘Ocean Array Cleanup’ non usa infatti combustibili di alcun tipo per attirare la plastica ma sfrutta le correnti oceaniche naturali e il vento. Le barriere galleggianti sono state inoltre progettate per impedire ai pesci e alle altre creature marine di rimanere impigliate. A questo punto, il passo successivo riguarderà la concreta realizzazione del progetto, attraverso un’apposita campagna di crowdfunding già lanciata su questo sito.

(ml)

Questo articolo è stato letto 113 volte.

ambiente, mare, Oceano, piattaforma, plastica, rifiuti

Comments (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net