ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Lidl Italia, giù le emissioni di CO2 del 48% entro il 2030-Governo: Mulè, 'su fiducia polemica sterile, con Conte 2 se ne votava una a settimana'-**Governo: Draghi incontra Bombardieri (Uil)**-Bollette: Beghin (M5S), 'è tema europeo, Consiglio intervenga'-Governo: Draghi sente Putin, punto su Afghanistan e G20-**Mafia: processo Trattativa, pm 'scelte politica criminale e verità inconfessabili /Adnkronos**-**Mafia: processo Trattativa, pm 'scelte politica criminale e verità inconfessabili /Adnkronos** (3)-**Mafia: processo Trattativa, pm 'scelte politica criminale e verità inconfessabili /Adnkronos** (5)-**Mafia: processo Trattativa, pm 'scelte politica criminale e verità inconfessabili /Adnkronos** (6)-Prosecco: P. De Luca, 'richiesta Croazia irricevibile, si presenti subito opposizione'-M5S: Todde, 'allenza Pd-Leu per campo progressista ma solo se condizioni'-Afghanistan: Fedeli, 'mozione per commissione internazionale diritti donne'-Calcio: riabilitazione sulla cyclette per Pelé che scherza, 'pedalo per tornare nel Santos'-Scuola: Usr Lazio, 'da primo check nessun caso sospensione prof o bidello no green pass'/Rpt-Referendum: Bonino, 'partiti deprimenti, non parlano di temi ma di limitare strumento'-M5S: Sabatini, 'tradimenti e colpi bassi, io e Casaleggio aspettiamo 2 gemelli'-Covid: dl green pass in Gu con sospensione stipendio ma non lavoro-Eni: piano buy back, da inizio programma acquistato 0,21% capitale-Calcio: Concacaf League, vice presidente Suriname Brunswijk in campo a 60 anni-Calcio: Deloitte, trasferimenti a parametro zero condizioneranno mercato post-Covid

Metà delle emissioni globali provengono da 90 aziende in tutto

Condividi questo articolo:

I giganti del fossile rappresentano la metà delle emissioni di gas serra

Metà dell’inquinamento da combustibili fossili del pianeta è imputabile a novanta grandi aziende. Di conseguenza parliamo del 50% della responsabilità dell’innalzamento della temperatura terrestre e del 30% dell’innalzamento del livello del mare dal 1880 a oggi.

Lo spiega uno studio pubblicato su “Climate Change” da un gruppo di scienziati aderenti alla Union of concerned scientists, sigla nata nel 1969 nell’ambito del Massachusetts Institute of Technology.

Tra le aziende citate troviamo più importanti di combustibili fossili, tra cui Bp, Chevron, Shell, Total, ExxonMobil. Non manca l’Italia, con Eni e Italcementi, in questa speciale classifica. Queste aziende tricolori avrebbero contribuito all’aumento delle temperature rispettivamente per lo 0,3% e lo 0,02%.
Il resto delle aziende inquinanti si concentrano negli Stati Uniti, in Cina, in Russia e nell’area del Golfo Persico.

Questo articolo è stato letto 6 volte.

CO2, GlobalWarming, inquinamento, petrolio, Pozzi petroliferi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net