Smog: un problema per 4 famiglie su 10

Condividi questo articolo:

L’inquinamento dell’aria e’ un problema percepito da sempre piu’ persone in Italia. Il rapporto Istat Noi Italia 2013

 

 

Per quasi 4 famiglie su 10 nel 2013 c’è stato un problema di inquinamento dell’aria. A dirlo è l’Istat, che nel rapporto ‘Noi Italia’,scrive che ‘il 36,7% delle famiglie italiane segnala problemi relativi all’inquinamento dell’aria nella zona di residenza e il 18,7% lamenta la presenza di odori sgradevoli’. Pian piano sempre piu’ persone si rendono conto di come lo smog sia un problema attuale e vero: per il problema dell’inquinamento dell’aria, secondo l’Istat, cresce la percentuale di famiglie che lo segnalano nel Lazio. Quanto agli odori sgradevoli, cala la percentuale di famiglie che evidenziano il problema in Valle d’Aosta, del Piemonte e del Trentino-Alto Adige.


In particolare, nel 2013 l’inquinamento dell’aria, continua il rapporto Istat, è avvertito come un problema dal 44,4% delle famiglie del nord-ovest, ma la quota sale al 50,1% tra le famiglie che vivono in Lombardia. Nel nord-est la quota scende al 33%; in Veneto raggiunge il 36,5%, mentre la quota più bassa si osserva in Trentino-Alto Adige (24,7%). Tra le regioni del centro, il Lazio registra un significativo aumento rispetto al 2012 e mostra il valore più elevato (43,6%); mentre per Toscana, Umbria e Marche le percentuali sono inferiori alla media nazionale. Al sud la situazione peggiore è quella della Puglia, dove il 41,9% delle famiglie segnala il problema; segue la Campania (40,1%) e la Sicilia (35,1%).

 

gc

Questo articolo è stato letto 6 volte.

aria, aria inquinata, inquinamento, smog

Commento

  • … [Trackback]

    […] Here you will find 84148 additional Information to that Topic: ecoseven.net/ambiente/inquinamento/smog-un-problema-per-4-famiglie-su-10/ […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net