ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Covid: Moelgg, 'ok riapertura impianti sciistici all'80%, fondamentale ripartire'-Bollette: Fratoianni, 'governo imponga a compagnie di abbattere aumenti'-Covid: Malpezzi, 'bene Draghi su green pass, basta doppio gioco Lega'-Rugby: Innocenti, 'Fir sta investendo molto ma anche le società lo devono fare'-Covid: Rotta (Pd), 'dopo parole Draghi su green pass Salvini esca da ambiguità'-Giustizia: Iovino (M5S), 'Renzi su magistrati come Berlusconi'-Governo: Gualtieri, 'bene Draghi e Bonomi su patto, Roma farà sua parte'-Cannabis: promotori, 'no rispose su rinvio al 31/12, domani manifestazione'-Governo: Mirabelli, 'bene Draghi, suo appello a responsabilità comune è il nostro'-Uim, Chiulli presenta a Monaco la nuova rivoluzionaria barca elettrica RaceBird-Consulta: incostituzionale la sanzione fissa a concessionari e titolari sale gioco-Consulta: incostituzionale la sanzione fissa a concessionari e titolari sale gioco (2)-Rugby: Top10, accordo con Raisport per il 2021/22, in diretta in chiaro ed in streaming-Ciclismo: Nibali torna all'Astana-Iacono (Engie): "Obiettivo net zero carbon entro il 2045"-Al via 8 edizione Gis 2021, le giornate del sollevamento e dei trasporti eccezionali-Archeologia, riapre al pubblico il Mitreo di Marino-Archeologia: riapre al pubblico il Mitreo di Marino, dal 25 settembre le visite (3)-Messina, Nanomateriali e deumidificazione elettrofisica per preservare i Beni Culturali-Messina: Nanomateriali e deumidificazione elettrofisica per preservare i Beni Culturali (2)

Il Nilo non sta bene

Condividi questo articolo:

Il più lungo fiume del mondo è in difficoltà e la colpa è nostra

Il fiume Nilo, con i suoi 4.258 chilometri di lunghezza detiene da sempre un record mondiale, eppure se le cose continuano ad andare come stanno andando la situazione potrebbe cambiare. Il fiume, infatti, sta soffrendo di fronte alle sempre maggiori sfide ambientali: la popolazione umana in esplosione, il continuo sfruttamento delle comunità e delle risorse naturali lungo il fiume, gli ecosistemi minacciati, la concorrenza sulle risorse, il cambiamento climatico e i suoi effetti sugli agenti atmosferici come la pioggia, il deserto, l’inquinamento e molte altre ragioni che riguardano le prospettive economiche a lungo termine della regione, stanno mettendo a dura prova il Nilo, che sta cambiando di forma e dimensione. 

Per esempio, oltre l’80% della fonte dell’acqua del Nilo è storicamente proveniente dalle massicce piogge etiopi. Tuttavia, queste piogge non si verificano più così spesso o in modo coerente e questo ha reso difficile il tradizionale approvvigionamento – quando piove troppo poco, soffrono le coltivazione e soffre il fiume; quando piove troppo, il dissesto del terreno comporta problematiche relative ai campi e alle dighe; purtroppo anche quando piove il giusto si ingaggiano altre sfide. Inoltre, la popolazione intorno al fiume dovrebbe raddoppiare entro il 2050 (ciò segue a un periodo di enorme crescita, in cui la popolazione dell’Egitto è quadruplicata dal 1960).

Insomma, il fiume non è mai stato tutelato, lo ammettono anche quelli che lo abitano, ma solo ora questo è diventato visibile e quantificabile in perdite per i pescatori, gli abitanti e le persone tutte. E quindi ora l’appello è quello di correre ai ripari: l’inquinamento causato dalla rapida urbanizzazione non è stato accompagnato da un’infrastruttura di pulizia, non sono stati fatti i giusti controlli allo stato di salute del fiume e non si è tenuto affatto conto di come tutto quello che stava succedendo potesse far «ammalare» questo importantissimo corso d’acqua.
Facciamo qualcosa.

Questo articolo è stato letto 728 volte.

ambiente, inquinamento, Nilo

Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net