ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Roma: Gualtieri, 'sgombero segnale importante da cui parte rinascita Tor Bella Monaca'-Covid: Scalfarotto, 'solidarietà a Faraone, green pass salva vite ed economia'-Covid: Biti (Pd), 'Parlamento doveva mettere obbligo appena nato green pass'-**Italia-Grecia: bilaterale Draghi-Mitsotakis, intensificare cooperazione**-Moda: a Milano numerose sfilate dal vivo e l'export torna a crescere-Moda: a Milano numerose sfilate dal vivo e l'export torna a crescere (2)-Rai: Coletta, 'Cattelan conduttore Sanremo '23? Lo vedo più a Eurovision e a un 'late show''-Sport: Decaro (Anci), 'Crediamo nei progetti di Sport e Salute, faremo grandi cose insieme'-**Mafia: processo trattativa alle battute finali, lunedì la camera di consiglio**-Covid: Fontana, 'Lombardia supera il terzo mese in zona bianca'-Mafia: depistaggio Borsellino, processo rinviato al 27 ottobre-**Mafia: processo trattativa, pg 'Dell'Utri ha sponsorizzato nascita Fi con Cosa nostra'**-Scuola, preside Massimo (Roma): "studenti di internazionali trattati da cittadini serie B"-Amministrative: Boccia, 'tutti in campo per battere destre a primo turno'-Clima: Milano in campo per salvare pianeta, Cingolani 'occorre sforzo globale'-Clima: Milano in campo per salvare pianeta, Cingolani 'occorre sforzo globale' (2)-Rai: Coletta, 'prossimo Eurovison condotto da Cattelan? Ne stiamo parlando'-**Roma: Gualtieri, 'crescita costante e vincenti al ballottaggio, avanti così'**-Sicurezza: Fdi avvia petizione per sfiducia a Lamorgese-Covid: Quagliariello, 'non si perda un minuto in più per green pass in Parlamento'

L’albero «più solitario del mondo»

Condividi questo articolo:

In Nuova Zelanda, un albero permette ai ricercatori di raccontarci l’impatto dell’uomo sul pianeta

Si dice che questo albero sia il più «solitario del mondo» perché dista più di 273 Km dal suo vicino più prossimo. Si trova a Campbell Island, in Nuova Zelanda, ed è un abete sitka che è stato piantato dal governatore Lord Ranfurly all’inizio del 20° secolo. I ricercatori ritengono che detenga indicazioni sull’Antropocene e, infatti, dopo una completa e approfondita analisi, hanno stabilito una possibile data di inizio per l’era geologica in cui gli esseri umani sono diventati l’influenza dominante sull’ambiente.

È stata la rivista «Scientific Reports» a pubblicare questa ricerca a cui hanno contribuito scienziati provenienti da istituzioni dell’Australia, della Nuova Zelanda, del Regno Unito, degli Stati Uniti e della Germania.
A quanto dicono i ricercatori, il legno dell’albero ha registrato il radiocarbonio generato dai test per la bomba atomica sulla sua superficie e i suoi strati hanno rivelato un picco nel 1965. Questo picco di elementi era già un contendente per definire l’inizio dell’Antropocene, ma fino a prima della ricerca la maggior parte dei dati erano stati raccolti nell’emisfero settentrionale. «Per dimostrare un impatto umano veramente globale è necessario un segnale da una remota e incontaminata posizione nell’emisfero australe che si verifica contemporaneamente al nord», hanno detto i ricercatori.

E così è stato l’albero più solitario del mondo ad aiutare nella conferma di quel segnale. Uno studio dettagliato della crescita anno dopo anno dell’albero ha rivelato un picco di elementi radioattivi tra ottobre e dicembre 1965. Gli scienziati hanno detto: «Questo abete ha dimostrato inequivocabilmente che gli umani hanno lasciato un impatto sul pianeta, anche negli ambienti più incontaminati, che sarà conservato nei registri geologici per decine di millenni e oltre». E quindi ora si può dire che l’Antropocene è iniziato ufficialmente nel 1965.

Questo articolo è stato letto 204 volte.

albero, ambiente, impatto dell'uomo, nuova zelanda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net