Flash News:
Post title marquee scroll

Le citta’ fantasma d’Italia/11 La Basilicata

Condividi questo articolo:

Ancora una tappa del nostro viaggio alla ricerca di paesi abbandonati ma dal fascino intatto. Questa seconda puntata ci porta in terra di Lucania. Ritorniamo a Craco e visitiamo Alianello Vecchio

 

 

Il viaggio di ecoseven.net tra rovine e borghi abbandonati continua. Attraversiamo località che raccontano la presenza dell’uomo in epoche differenti. Dai segni del tempo sulle facciate dei ruderi e delle cascine, fino ai segni della vita domestica. Scenari che rievocano abitudini, che fanno immaginare profumi, suoni e rumori lontani. E la suggestione che si vive qui, forse spiega anche il motivo per cui vengono chiamate città fantasma. Seguiteci allora in Basilicata. 

 

Nel materano vale la pena visitare Alianello Vecchio – frazione di Aliano, abbandonato in seguito al terremoto dell’Irpinia nell’ottanta – e  Craco, uno tra i luoghi simbolo delle città fantasma per bellezza e suggestioni.

 

Abbandonato nel 1963 per una frana, resta ad oggi immutato nell’aspetto. La suggestione dei luoghi lo ha fatto preferire come location per film importanti come La passione di Cristo, Cristo si è fermato a Eboli, King David e Agente 007. Come se non bastasse gli appassionati di paranormale lo vedono luogo ricco di arcane presenze. Continuando nell’esplorazione troviamo Campomaggiore Vecchia, vicino a Potenza. Interessante la disposizione a scacchiera delle case e dei relativi terreni da coltivare. A differenza di Craco, Campomaggiore Vecchia fu abbandonata nel lontano 1885, a causa di una frana.

 

(Vincenzo Nizza) 

Questo articolo è stato letto 2 volte.

Alianello Vecchio, basilicata, Campomaggiore vecchia, craco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net