ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Rugby: Italdonne, Rigoni inserita nel dream team mondiale 2021-Calcio: focolaio covid al Tottenham, Conte 'siamo un po' spaventati'-Calcio: Pelè ricoverato di nuovo in ospedale per curare tumore al colon-Calcio: Spalletti, 'ora la maglia pesa di più, mantenere testa lucida'-Calcio: Spalletti, 'Osimhen? Siamo molto fiduciosi conoscendo il ragazzo'-Noury (Amnesty): "Zaki modello di difensore diritti"-Manovra: Spada (Assolombarda), 'fiducioso, tante volte le idee possono cambiare'-Scala: Spada (Assolombarda) 'Prima momento emozionante, ora speriamo in tante altre Prime'-Calcio: Udinese, Cioffi tecnico ad interim-F1: team tedesco Mercedes rinuncia a sponsorizzazione controversa-Scala: Bracco, 'è stata la Prima di tutto il Paese'-Castiglia (Art.101 Anm): "Subito riforma Csm, basta correnti"-Giustizia: Castiglia (Anm), 'subito riforma Csm, magistratura non è indipendente da politica'/Adnkronos (3)-Giustizia: Castiglia (Anm), 'subito riforma Csm, magistratura non è indipendente da politica'/Adnkronos (5)-Migranti: Papa, 'davanti ai loro volti non possiamo girarci dall'altra parte'-Papa: 'ideale santità non questione di immaginette, vivere ogni giorno umili e gioiosi'-Papa: 'ideale santità non questione di immaginette, vivere ogni giorno umili e gioiosi' (2)-Pisa: aggredisce la ex e il suo nuovo compagno con schiaffi e pugni ma la donna non lo denuncia-Università, il nuovo campus della Lumsa di Palermo-Università: il nuovo campus Lumsa sede Palermo, riqualificazione area ex stazione Lolli (2)

Mobilità, l’allarme di Eurispes: Italia a rischio default

Condividi questo articolo:

Sos dall’Eurispes che, in una lettera inviata alle forze politiche, sottolinea tutti i deficit del sistema della mobilità in Italia

Sos da Eurispes: il sistema della mobilità in Italia rischia il default, tra tagli al trasporto pubblico locale, l’aumento delle tariffe e la crisi economica che costringe sempre piu’ persone a lasciare la macchina in garage, il sistema della mobilita’ in Italia nei prossimi mesi rischia il default. Eurispes ha racchiuso le proprie preoccupazioni in una lettera aperta inviata alle forze politiche. Secondo i piu’ recenti dati dell’Eurispes, ben il 52,2% dei cittadini per far fronte alla crisi ha ridotto, nel corso dell’ultimo anno, le spese per il carburante utilizzando in misura sempre maggiore i mezzi pubblici. Una situazione al limite della sostenibilita’, specialmente nelle grandi aree metropolitane, con gravi disservizi soprattutto a Milano, Roma e Napoli. E non e’ solo colpa della crisi.

Sono 3 milioni i pendolari che ogni giorno per i loro spostamenti usano i treni e i mezzi pubblici, eppure, sottolinea l’Eurispes, la politica nazionale dei trasporti e della mobilita’ in generale continua a scommettere sulla strada. Secondo quanto emerge da un recente studio di Legambiente, negli ultimi dieci anni il 71% dei finanziamenti della Legge Obiettivo sono stati destinati per le strade e autostrade, il 15% per le ferrovie e solo il restane 14% per le reti metropolitane. Nel confronto europeo l’Italia mostra deficit strutturali significativi. Con ritardi pesanti proprio nel comparto ferroviario: mentre in Europa mediamente ci sono 8 treni km per ciascun abitante, in Italia si scende a 5. Ma lo spread infrastrutturale aumenta soprattutto nelle grandi citta’. Se, mediamente, le altre metropoli europee possono disporre di circa 54 chilometri di rete metropolitana, in Italia la media crolla a soli 20 km. Perfino la Spagna batte l’Italia: la sola citta’ di Madrid con i suoi 230 km di metropolitana supera l’intera rete di metropolitane del nostro Paese.

“Il sistema dei trasporti per una nazione puo’ essere paragonato al sistema circolatorio del corpo umano. Se in alcune aree il sangue smette di circolare la parte va in necrosi. Questo e’ quanto sta accadendo nelle aree urbane e sub-urbane del nostro Paese”, dice Carlo Tosti, direttore dell’Osservatorio dell’Eurispes. “Quindi, vista anche l’attuale situazione economica, elaboriamo pure progetti grandiosi per i prossimi decenni, ma interveniamo subito nelle aree a maggior densita’ di traffico che interessano ogni giorno la vita della quasi totalita’ della popolazione attiva. Prestiamo attenzione al trasporto regionale e urbano – sottolinea Tosti – che riguarda il pendolarismo, il trasporto scolastico, la mobilita’ delle categorie piu’ deboli (anziani e disabili) e la distribuzione delle merci”.

(g.cat.)

Questo articolo è stato letto 5 volte.

crisi economica, default, Eurispes, mezzi pubblici, sostenibilità, tariffe, trasporto pubblico locale, treni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net