ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fondazione Open: Renzi, 'se qualcuno pensa di intimidirmi non mi conosce'-Covid: Cina, giornalista Bbc picchiato e arrestato durante le proteste-Ischia: Rosato (Iv), 'Conte mente sul condono, il suo governo ha fatto una scelta precisa'-Imprese: Istat, in 2021 torna a crescere produttività del capitale (+7,7%)-Manovra: Renzi, 'domani Meloni-Calenda, la premier ci ascolti, sovranismo fa male all'Italia'-Qatar 2022: scambia i thawb per accappatoi, Zdf 'richiama' commentatore-Pd: Orlando, 'fazioso dire che dietro richiesta costituente c'è mancanza candidato'-Ucraina: Gazprom non taglierà forniture di gas alla Moldavia-Inaugurato a Rho il Teatro civico Roberto De Silva, da fabbrica di cosmetici a centro culturale-Covid Cina oggi, ancora proteste contro lockdown: arresti-Vela d'epoca, a maggio a Genova il primo Classic Boat Show-Ucraina: Kiev , '590 soldati russi morti in un giorno'-Ucraina: Ukrenergo, 'interruzioni di corrente di emergenza in tutte le regioni'-Gb: primo viaggio internazionale per principi del Galles William e Catherine-Ucraina: Gb, 'Kherson è ancora vulnerabile, resta nel raggio dell'artiglieria russa'-**Ucraina: amministrazione russa, 'è falso, non lasciamo centrale Zaporizhzhia'**-Ucraina: 4,7 milioni di rifugiati ricevono status di protezione temporanea in Europa-Csel, in era pre-crisi energetica spesa media delle bollette dei Comuni italiani era 30mila euro mese-Csel, da caro energia per Comuni rischio costi aggiuntivi per 1,6 mld quest’anno-Ucraina: Usa valutano se fornire a Kiev piccole bombe di precisione

Ucraina: Kiev, ‘nella difesa già collaboriamo con Nato più di altri membri ufficiali’

Condividi questo articolo:

Kiev, 1 ott. (Adnkronos) – Nel settore della difesa l’Ucraina coopera già con la Nato, più profondamente di alcuni dei suoi membri ufficiali. Lo ha scritto su Facebook il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov, aggiungendo che “dal momento della mia nomina alla carica di ministro, ho ripetutamente sottolineato su varie piattaforme la priorità del mio lavoro: raggiungere l’integrazione de facto nella Nato. In modo che quando si formerà un consenso politico di 30 paesi, l’integrazione avrà luogo de jure. Nel settore della difesa, collaboriamo già con l’alleanza più profondamente di alcuni dei suoi membri ufficiali”.

“Vale la pena ricordare che la Nato – scrive ancora Reznikov – non riguarda solo la difesa, ma anche i valori comuni. Anche garantire la stabilità delle istituzioni democratiche, ripristinare la fiducia nella giustizia, una protezione affidabile delle libertà civili e dei diritti umani sono componenti importanti dell’integrazione nella Nato”.

“Oggi abbiamo un grande arsenale di armi occidentali – conclude – con cui abbiamo battuto con successo gli invasori russi. Undici mesi fa, quando ho chiesto di fornire all’Ucraina Stinger, mi è stato detto che era impossibile. Tutto è cambiato. Il popolo ucraino, i difensori ucraini e le autorità ucraine hanno reso possibile l’impossibile. Tutto si risolverà per il meglio per noi”.

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net