**Scrittori: è morto Lars Norén, nei suoi drammi il male di vivere (2)

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – Considerato l’erede di Strindberg, Bergman e Eugene O’Neill, dopo essere divenuto nel 1999 direttore artistico del Riks Drama (teatro nazione itinerante svedese), Norén ha proseguito la sua attività di autore con l’adattamento di “Se questo è un uomo” (2000) di Primo Levi; nel 2002 ha vivisezionato la vita di due coppie in “Dettagli”; nel 2003 ha presentato “Freddo”, testo sul razzismo e la xenofobia, e l’anno seguente “Guerra, storia di una famiglia sopravvissuta a una guerra” civile (spettacoli ripresi in Italia fino al 2012). Nel 2006 è andato in scena “20 novembre”, ispirato a un drammatico fatto di cronaca. Tra le sue opere teatrali più recenti “Anna Politkovskaja. In memoriam” (Campanotto, 2013). Diversi suoi drammi sono stati rappresentati al Piccolo Teatro e al Teatro Franco Parenti di Milano.

Questo articolo è stato letto 5 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net