Libri: ‘Icaro e il volo su Roma’, da Giovanni Grasso storia di amore per la libertà/Adnkronos (3)

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – De Bosis è all’estero quando nella capitale vengono arrestati e condannati a 15 anni di prigione Vinciguerra e Rendi, sorpresi a distribuire volantini antifascisti, mentre la madre, dopo aver subito una perquisizione nella sua casa, riesce ad essere assolta. Lauro lavora come portiere d’albergo a Parigi e aiuta economicamente le famiglie dei suoi amici, ma ritiene che non sia sufficiente.

Decide di prendere alcune lezioni di volo, quindi parte per Roma, non prima di aver lasciato un suo memoriale-testamento, letto, come altri brani del libro, da Claudia Gerini e Francesco Pannofino durante la presentazione, con interventi musicali affidati al pianista Enrico Pieranunzi e alla cantante Simona Severini.

“Pegaso -scrive Lauro De Bosis- è il nome del mio aeroplano, ha la groppa rossa e le ali bianche. Benché abbia la forza di ottanta cavalli, è svelto come una rondine. S’abbevera di benzina e si avventa nei cieli come il suo fratello d’un tempo. Ma di notte, se vuole, sa scivolare nell’aria come un fantasma. Con Pegaso non andremo a caccia di chimere, andremo a portare un messaggio di libertà ad un popolo schiavo di là dal mare. Andremo a Roma per diffondere in pieno cielo quelle parole di libertà che da ormai sette anni sono proibite come delittuose. E con ragione, perchè se fossero permesse scuoterebbero in poche ore la tirannia fascista”.

Questo articolo è stato letto 3 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net