Ex Ilva: sindaco Taranto incontra sindacati, pronto a stop ultime 2 rate Tari 2020

Condividi questo articolo:

Roma, 25 feb. (Adnkronos) – Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci e le organizzazioni sindacali si sono incontrati per discutere della possibilità di sospendere temporaneamente il versamento della Tari per i lavoratori dell’Ilva in Amministrazione Straordinaria. Il sindaco di Taranto, supportato dalla parte tecnica per il tramite di Imperio, riferiscono i sindacati, “ha dichiarato la disponibilità a sospendere le ultime due rate della Tari anno 2020 per i lavoratori del bacino Ilva in As residenti nel comune di Taranto”.

Inoltre, alla richiesta di Fim – Fiom – Uilm – Usb, di estendere tale provvedimento per la Tari 2021, anche ai lavoratori di ArcelorMittal Italia e indotto, adottando come criterio base la collocazione in Cigo a zero ore, il sindaco Rinaldo Melucci “si è dichiarato, dopo opportune verifiche, disponibile a trovare una eventuale soluzione per tutti. Analoga richiesta sarà fatta, nelle prossime ore dalle organizzazioni sindacali, a tutti i Sindaci dei comuni della provincia ionica”.

All’incontro di oggi ha partecipato anche il Sindaco di Statte, Francesco Andrioli, dichiarandosi disponibile, anch’egli, ad accogliere le proposte sindacali. Inoltre, si legge in una nota dei sindacati, “abbiamo rivolto ai Sindaci l’appello di intercedere con i Ministri competenti, ed i Commissari di llva in As, affinché si accelerino, per quanto possibile, le operazioni di approvazione del Decreto contenente l’integrazione salariale per l’anno 2021 per i dipendenti Ilva in Amministrazione Straordinaria. Fim, Fiom, Uilm, Usb hanno accolto positivamente l’interessamento dei sindaci Melucci e Andrioli per la sensibilità e la disponibilità mostrata per trovare soluzioni per il bacino dei lavoratori di llva in amministrazione straordinaria, Arcelor Mittal e Appalto”.

Questo articolo è stato letto 5 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net