ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**Famiglia: Draghi, 'assegno unico strumento semplice ed equo'** (F)-Famiglia: Draghi, 'bene collettivo che Stato deve tutelare'-Famiglia: Draghi, 'sicurezza e stabilità per consentire a giovani di fare figli'-Famiglia: Draghi, 'da politiche adottate dipende futuro, governo c'è e ci sarà'-Violenza su donne: dopo Cdm conferenza stampa con tutte le ministre-Fisco: fonti, 'governo valuta contributo solidarietà per redditi oltre 75mila euro'-Fisco: fonti, 'riduzione cuneo contributivo per le fasce più deboli per il 2022'-Pari opportunità, Manageritalia: parte legge su parità salariale e donne trainano crescita dirigenti-Centrodestra: Salvini, 'Toti al lavoro con Renzi? Auguri...'-Centrodestra: Cesa ad alleati, 'dobbiamo mettercela tutta e fare quarta gamba'-Lavoro: Fedeli (Pd), 'da oggi in vigore parità salariale, ora tocca a imprese'-Governo: Rosato, 'per politica famiglie risorse straordinarie'-L'infettivologo Tascini: "Con varianti Covid puntare ancora di più su monoclonali"-**Manovra: Guerra, 'su taglio tasse valutazioni in corso anche su richieste sindacati'**-Covid: Perantoni, 'da Merkel riconoscimento anche a Conte'-**Manovra: cabina regia conferma schema taglio tasse, 7 mld Irpef e 1 Irap**-**Udc: al via assemblea nazionale con inno di Mameli**-Centrodestra: Saccone apre Assemblea nazionale Udc, 'senza di noi non si governa Paese'-Governo: Prodi, 'con Draghi o no, la legislatura finirà in ogni modo'-Quirinale: Prodi, 'all'estero più tranquilli con scelte serene e condivise'

La batteria alluminio – aria che aumenta l’autonomia dell’auto elettrica

Condividi questo articolo:

La batteria alluminio aria sviluppata dalle aziende Phinergy e Alcoa e’ in grado di aumentare notevolmente l’autonomia dell’auto elettrica

Una nuova batteria alluminioaria in grado di aumentare l’autonomia dell’auto elettrica. Si tratta di un nuovo prototipo di alimentazione elettrica sostenibile sviluppato dalle aziende Phinergy e Alcoa, con l’obiettivo di realizzare un’auto elettrica in grado di percorrere lunghe distanze.

La nuova batteria alluminioaria, in particolare, assorbe ossigeno dall’aria circostante per liberare l’energia contenuta nei metalli. Questa tecnologia consente infatti di sostituire i catodi convenzionali (ossia gli elettrodi su cui avvengono, insieme agli anodi, le reazioni chimiche per la produzione di elettricità) con dei ‘catodi ad aria’ più leggeri che attirano l’ossigeno circostante, bloccando l’ingresso della CO2. In questo caso l’elettrolita usato per ricaricare l’accumulatore e far entrare l’aria, è l’acqua.

L’alluminio, che ha un’elevata densità energetica, si ossida al contatto con l’ossigeno contenuto nell’elettrolita, trasformandosi in idrossido di alluminio ed energia. Secondo i ricercatori, il risultato finale di tutto questo sistema è una batteria composta da 50 piastre in alluminio, ciascuna delle quali è in grado di fornire energia all’auto elettrica per circa 32 km di guida. In pratica, stiamo parlando di un’autonomia potenziale dell’auto elettrica di oltre 1.600 km, con soste di ricarica ogni 200 km per rifornire l’impianto con l’acqua.

I proprietari di auto elettriche avrebbero così solo bisogno di ricaricare la batteria alluminioaria con acqua di rubinetto ogni mese o due, in modo da scatenare la reazione elettrochimica. Questa nuova tecnologia, ovviamente, andrebbe usata come sistema di accumulo ‘addizionale’, da integrarsi nell’auto elettrica insieme ad una batteria convenzionale agli ioni di litio. Attualmente le aziende Alcoa e Phinergy hanno avviato una collaborazione con il governo del Quebec per far progredire questa tecnologia e il potenziale di sviluppo della batteria in alluminioariaPer maggiori informazioni, è possibile consultare questo sito.

(ml)

Questo articolo è stato letto 32 volte.

acqua, alluminio, aria, auto, batteria, energia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net