ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Coronavirus: D'Incà, 'ora coesione, nessuno cavalchi protesta'-Coronavirus: Conte, 'nessuna attività più importante di altre, no categorie serie B'-Di Battista: "Governo concentrato su pandemia, d’accordo su rinvio Stati generali"-Caso Saguto: domani sentenza per l'ex giudice e il 'cerchio magico', chiesti 15 anni/Adnkronos (2)-Caso Saguto: domani sentenza per l'ex giudice e il 'cerchio magico', chiesti 15 anni/Adnkronos (3)-Caso Saguto: domani sentenza per l'ex giudice e il 'cerchio magico', chiesti 15 anni/Adnkronos (5)-Coronavirus: Conte, 'ridurre socialità per tenere sotto controllo curva contagi'-Coronavirus, oltre 2mila spettatori per 'Tosca' in streaming dal 'Del Monaco' di Treviso-Covid, Q8 consegna tablet e notebook a scuole Napoli Est-Acea: Gola, 'possiamo svolgere ruolo attivo importante in uso Recovery per infrastrutture'-M5S: Di Battista, 'governo concentrato su pandemia, d’accordo su rinvio Stati generali'-Consumi energetici, italiani attenti alla sostenibilità-Coronavirus: Marcucci, 'capienza mezzi pubblici al 50% come in Toscana'-Acea: Gola, 'manteniamo politica dividendi, in 2021 dividendo minimo di 0,80 euro'-Dl ristori: Conte, 'firmato Dpcm solo con risorse certe per categorie colpite'-Acea: Gola, 'puntiamo nel 2024 a 1,6 mln di clienti nell'elettricità e gas'-Acea: Gola, 'nuovi target di sostenibilità più sfidanti, in piano 2,1 mld di investimenti'-Coronavirus: Delrio, 'con Sure avanti perché nessun resti senza lavoro'-Coronavirus: Cangini, 'lockdown omeopatico, a piccole dosi'-Acea: Gola, 'pronti a cogliere opportunità in settore idrico'

Italia: addio al carbone entro il 2030, lo spiega ali ministro Calenda

Condividi questo articolo:

“L’uscita totale dal carbone tra il 2025-2030 è possibile, ma costerà circa 3 miliardi di euro”

L’Italia riuscirà ad abbandonare il carbone? Secondo il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda ciò e possibile, ma ci vorrà del tempo: “l’uscita totale dal carbone tra il 2025-2030 è possibile, ma costerà circa 3 miliardi di euro rispetto allo scenario base e dovrà essere affrontato il tema delle tempistiche autorizzative per nuove centrali e nuove infrastrutture”. Calenda lo ha spiegato in audizione con Gian Luca Galletti, ministro dell’ambiente, sulla Strategia Energetica Nazionale.

Abbandonare il carbone è una strada segnata. Prosegue il ministro: “credo sia una decisione verso cui dobbiamo andare, ma avendo ben presente i costi e il lavoro sulle autorizzazioni”. Dobbiamo considerati i costi per approvvigionare con un elettrodotto e con il potenziamento delle infrastrutture esistenti la stessa Sardegna (dove oggi sono attivi gli impianti a carbone di Fiumesanto e del Sulcis) e quelli per creare capacità generativa alternativa da nuove centrali.
Inoltre, secondo il ministro, bisogna calcolare “il tema degli stranded cost” da corrispondere ai proprietari delle centrali nel caso di uscita al 2025 e con impianti ancora non ammortizzati e “che saranno oggetto di contrattazione”. “Più anticipi il phase out, più devi pagare”, ha puntualizzato Calenda.

Questo articolo è stato letto 8 volte.

carbone, energia, Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net