Flash News:
Post title marquee scroll
Cosmoprof Worldwide Bologna a supporto beauty con Wecosmoprof-Milano: sfregiò ex con acido, vittima, 'amareggiati, discriminati al contrario'-Da Lidl le mascherine Made in Italy-Milano: sfregiò ex con acido, condannata a 7 anni e 10 mesi-Fase 2: Sibilia, 'assistenti civici? Facciamo che è stata distrazione collettiva'-Como: droga e abusa di bambina, poi vende video sul web, pedofilo arrestato-Conti pubblici: Cottarelli, 'deficit e debito/Pil nel 2020 maggiori di previsioni Governo'-Conti pubblici: Cottarelli, 'deficit e debito/Pil nel 2020 maggiori di previsioni Governo' (2)-Fase 2: Cottarelli, 'rischio da sussidi e deficit, sparisce incentivo a efficienza'-**Giustizia: vertice di maggioranza a via Arenula domani, sul tavolo riforma Csm**-Un Master in Risorse Umane online per essere vincenti nel mondo del lavoro. Bianco Lavoro propone un percorso moderno ed innovativo-Fase 2: Castaldi, 'fuga avanti Boccia su assistenti civici, faccia passo indietro'-Incendio: rogo in terreno incolto a Palermo, paura per centro commerciale-Coronavirus: Alleanza lancia #Fattiavanti, campagna selezioni talenti su Linkedin-Fase 2: Buffagni, 'no assistenti civici, proposta non condivisa con M5S'-BPER Banca, in Veneto 4 borse di studio “Fondazione 150°”-Al via ‘Prospettiva Lavoro’ per minimizzare possibilità contagio in azienda-Fase 2, Maggino: "Costruire la ripartenza in condizioni di massima sicurezza"-Fase 2: Scala dei Turchi presa d'assalto nonostante sigilli, 9 denunciati-Pubblicità: a marzo in Italia raccolta -29%, nel primo trimestre -9,2% (2)
cacca

Il Tempio della cacca

Condividi questo articolo:

cacca

In Lettonia, una costruzione raccoglie escrementi umani per trasformarli in un giardino sul suo tetto.

Il laboratorio lettone di progettazione e costruzione Zeltini ha creato un progetto davvero bizzarro: un «tempio della cacca». La nostra.

Si tratta di una dependance in legno che raccoglie i rifiuti umani per fertilizzare un giardino che si trova sul suo stesso tetto.

Costruito sulla proprietà del fondatore di Zeltini, Aigars Lauzis, in Lettonia, il progetto celebra li scarti biologici del nostro corpo e, allo stesso tempo, aumenta la consapevolezza dei benefici del compost di rifiuti umani come potenziale sostituto dei fertilizzanti di origine animale.

Il «Tempio della cacca» – noto anche come Z-BIOLOO – è stato prodotto come parte della missione dello studio di design per migliorare il mondo con progetti sostenibili.

Rivestito in legno annerito per mescolarsi nel paesaggio, il moderno edificio presenta un bagno di compostaggio Biolan che separa automaticamente i liquidi dai solidi per trasformare gli escrementi umani in compost.

Una volta pronto, il compost viene utilizzato per concimare sia il giardino sul tetto che il campo adiacente.

Questo bagna, inoltre, rende indimenticabile l’esperienza che si può fare al suo interno, visto che presenta un’ampia vetrata che permette di avere una bellissima vista sul paeseggio mentre si espletano le proprie funzioni.

Nella dependance è stato installato anche un camino con un chiusura cinetica girevole per far uscire gli odori sgradevoli e contribuire ad accelerare il processo di compostaggio.

Allo stesso tempo, un secondo camino con un ventilatore elettrico attira la piacevole fragranza dei fiori cresciuti sul tetto nell’edificio per introdurre continuamente nella costruzione un nuovo flusso di ossigeno.

Le pareti esterne sono isolate per offrire temperature confortevoli e stabili tutto l’anno.

Il progetto è stato progettato e costruito da Aigars Lauzis e Andis Veigulis per circa 3.000 euro di spesa e vuole dimostrare che, con 7 miliardi di persone presenti su questo pianeta, non abbiamo bisogno degli animali per concimare la terra.

Questo articolo è stato letto 29 volte.

costruzione, escrementi umani, fiori, giardino, lettonia, tetti

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net