California, una casa-palafitta a impatto zero nel deserto del Mojave

Condividi questo articolo:

Una casa a impatto zero e’ stata realizzata nel deserto della California. E’ simile ad un antica palafitta e non intacca l’ambiente che la circonda

Una casa a impatto zero nel deserto della California. Anche le sabbie dorate, le dune e le oasi amano la sostenibilità, e lo dimostrano alcuni cittadini americani costruendo una casa a impatto zero nel cuore del deserto del Mojave, in California. La casa a impatto zero del deserto californiano è stata realizzata in acciaio riciclato e altri materiali eco-friendly e si alimenta, ovviamente, con l’energia solare. A realizzarla è stato David McAdam co-fondatore della Blue Sky Homes, un’azienda che costrusce case sostenibili.

La casa a impatto zero può essere definita una moderna palafitta che galleggia, capace di non intaccare l’ambiente circostante, il terreno e le delicate rocce arenarie del deserto del Mojave, in California. Secondo la dichiarazione di McAdam a TmNews ‘anche in caso di pioggia, che qui nel deserto cade solo 2 volte l’anno, il sistema di pali permette all’acqua di scorrere, come vuole madre natura’. Quindi la casa è come se non ci fosse, o quasi.

E non solo. La casa a impatto zero integra non solo se stessa, ma anche l’uomo alla natura. La casa-palafitta ha grandi finestre che fanno sentire le persone che ci abitano parte integrante della natura e grazie ai colori della costruzione sono quasi mimetiche. Il deserto Mojave è un ecosistema molto raro: nonostante l’aridità dell’area, infatti, si stima che ci siano quasi 2000 specie di piante, che sono riuscite ad ambientarsi.

(GC)

Questo articolo è stato letto 131 volte.

casa efficiente, casa impatto zero, casa impatto zero deserto California, casa sostenibile, deserto Mojave, rinnovabili, risparmio energia

Comments (8)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net