ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Manageritalia, per dirigenti terziario rinnovo contratto rinviato al 2022 senza costi aggiuntivi-Federer crolla con Auger Aliassime, è fuori ad Halle-Monza: all’Autodromo apre pista kart nell’area interna Parabolica, tracciato di 480 metri-**Arte: inchiesta opere De Dominicis, resta a Roma procedimento per Sgarbi e altri venti**-Tridico: "Inps partecipe nel sostegno alla ripartenza"-Calcio: Sassuolo, Dionisi è il nuovo allenatore-Maturità, preside Righi (Roma): "i protagonisti sono gli studenti non i prof, vanno capiti ruoli"-Libri: Premio Biella Letteratura e Industria, scelti i 5 finalisti-Libri: Premio Biella Letteratura e Industria, scelti i 5 finalisti (2)-Tragedia Mottarone: Fiano, 'osceno diffondere video morte in diretta'-Maturità: preside Virgilio, 'a Milano tutto ok, clima positivo e no rischio aumento bocciature'-Maturità: preside Virgilio, 'a Milano tutto ok, clima positivo e no rischio aumento bocciature' (2)-**Covid: nel milanese 75 nuovi casi, 30 a Milano città**-**Pd: Calenda, 'sospeso per critiche a Bettini? provvedimento degno di Ceausescu'**-Inps, al via convenzione 'Inps per tutti, rete agile di Welfare' con Caritas Ambrosiana-Energia, Ue potenzia accesso elettricità nell'area di Virunga-**Roma: 20enne mori’ per buche, a processo titolari ditta manutenzione**-Letteratura: Brontë Society lancia campagna per bloccare asta manoscritti-Letteratura: Brontë Society lancia campagna per bloccare asta manoscritti (2)-Tragedia Mottarone: Malpezzi, 'video non aggiunge nulla, offende dolore'

Acqua e guerre/4 Le lacune del diritto internazionale

Condividi questo articolo:

Le guerre dell’acqua costano tanto, in termini di risorse ma soprattutto di vite. Una gestione più attenta delle risorse ed un miglioramento del diritto internazionale, ad oggi lacuoso, sarebbero passi importanti verso la pace

L’acqua è un bene prezioso, e questo spesso causa conflitti.  Al giorno d’oggi avere interessi condivisi su un corso d’acqua e razionalizzarli sono due necessità che confliggono. Istituzionalizzare la gestione delle risorse idriche crea una certa resistenza.

Le guerre dell’acqua costano: una settimana di lotta in una guerra che ha come scopo il predominio sull’acqua costa tanto quanto costruire cinque impianti di dissalazione con cui non si avrebbero perdite di vite, nessuna pressione internazionale e un approvvigionamento della risorsa affidabile che non avrebbe bisogno di essere difesa perchè in territorio ostile. Lo sostiene nel suo lavoro, “Conflitto e Cooperazione lungo i corsi d’acqua internazionali”, Aaron T. Wolf, direttore del dipartimento di Geoscienze all’Università dello dell’Oregon, negli Stati Uniti. Nel testo si leggono gli esempi di numerose lacune del diritto internazionale in materia di acqua

Tra i 3600 trattati firmati che parlano dell’acqua, solo sette si riferiscono a scontri avvenuti in acque internazionali e per quanto riguarda la parte dei trattati che regola la gestione degli interessi sui bacini idrografici internazionali, più della metà non presenta alcuna disposizione di monitoraggio di sorta, i 2/3 non è in linea con le specifiche disposizioni e i 4/5 non ha neanche un meccanismo di applicazione.

Al fine di colmare queste lacune lo studioso suggerisce due lezioni per i politici che si occupano di guerre dell’acqua. Il primo suggerimento favorisce il miglioramento delle dispute, in quanto l’acqua è più importante e meno costosa rispetto ad una guerra e alla sua risoluzione. Quasi sempre, infatti, l’attenzione internazionale e il finanziamento risultante si concentra su un bacino solo dopo una crisi. Così è stato per il fiume Indo, il Giordano, il Nilo, il Tigri e l’Eufrate, dove il conflitto e stato imminente e con un grande spreco di energie in fatto di risanamento. Il secondo suggerimento chiarisce le qualità interdisciplinari proprie dell’acqua come risorsa e espone come le dispute, in corso, possono solo essere risolte attraverso un ampio e attivo dialogo tra le discipline investite.

(Chiara Palmieri)

Questo articolo è stato letto 9 volte.

acqua, costo guerre dell'acqua, diritto internazionale acqua, guerre dell'acqua, risorsa acqua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net