Scienze: un tuffo nel mare alieno di Titanio

Condividi questo articolo:

Il mare extraterrestre Ligeia, uno dei mari più estesi della più grande luna di Saturno, Titano e’ costituito da metano, etano ed azoto

 

Più di un bagno nell’oceano. Per la prima volta, Marco Mastrogiuseppe e Valerio Poggiali hanno fatto un ‘tuffo’ in un mare extraterrestre, provando a misurare la profondità di Ligeia, uno dei mari più estesi della più grande luna di Saturno, Titano. Grazie al loro studio hanno anche stabilito che il liquido di mare extraterrestre è trasparente e formato per la maggior parte da metano e in minima parte da etano e azoto.

‘Per la prima volta abbiamo potuto misurare direttamente la profondità di un mare alieno, Ligeia’, ha commentato Mastrogiuseppe. ‘’Abbiamo verificato che questo mare vasto quanto il nostro mare Adriatico, non supera 200 metri di profondità e che contiene circa 5.000 miliardi di tonnellate di idrocarburi’.

Il tuffo nel mare alieno è stato possibile grazie alla sonda Cassini, nata dalla collaborazione fra Nasa, Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi).

Questo articolo è stato letto 14 volte.

mare, Saturno, Titanio, tuffo, tuffo mare alineo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net