ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
inondazione

Le inondazioni potrebbero essere la nostra futura “pandemia”

Condividi questo articolo:

inondazione

Secondo gli scienziati, gravi inondazioni costiere potrebbero colpire 287 milioni di persone entro il 2100

Un recente studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ha rivelato che oltre il 4% della popolazione mondiale potrebbe essere esposta a gravi inondazioni entro la fine del secolo.

Lo studio è stato ispirato dal continuo aumento del numero di inondazioni costiere in tutto il mondo e si basa su ricerche precedenti dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC).

Attualmente, circa 148 milioni di persone vivono eventi di inondazioni in tutto il mondo, ma potrebbero diventare 287 milioni entro il 2100.

Le cause dell’aumento delle inondazioni nelle città costiere sono il riscaldamento globale causato dall’uomo, i temporali e le alte maree. Con l’aumento della temperatura globale, più ghiaccio terrestre si scioglie, portando all’innalzamento del livello del mare.

Secondo lo studio, purtroppo, nemmeno un’azione immediata potrebbe fermare le inondazioni estreme. Il rapporto avverte che entro il 2050 i maggiori eventi di alluvione saranno aumentati di intensità.

Un evento di inondazione ogni 100 anni potrebbe verificarsi ogni 10 anni. Fino al 4% della popolazione mondiale potrebbe essere esposta a gravi inondazioni.

Il professor Ian Young dell’Università di Melbourne e coautore dello studio ha affermato: “Abbiamo sicuramente bisogno di mitigare i nostri gas serra, ma questo non risolverà questo problema. L’innalzamento del livello del mare è già innescato – anche se riduciamo le emissioni oggi, il livello del mare continuerà a salire perché i ghiacciai continueranno a sciogliersi per centinaia di anni”.

Lo studio ha individuato alcune regioni che rischiano di essere maggiormente colpite dal continuo innalzamento del livello del mare.

Tra le aree di maggiore preoccupazione figurano la Cina sud-orientale, l’Australia settentrionale e il Bangladesh, nonché il Gujarat e il Bengala occidentale in India. Negli Stati Uniti, la Carolina del Nord, il Maryland e la Virginia sono stati identificati come i più soggetti a essere esposti. Altri paesi che potrebbero essere colpiti da gravi inondazioni includono Francia, Germania e Regno Unito.

 

Questo articolo è stato letto 24 volte.

acqua, costa, innalzamento acque, inondazioni, mare, riscaldamento globale

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net