ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**Famiglia: Draghi, 'assegno unico strumento semplice ed equo'** (F)-Famiglia: Draghi, 'bene collettivo che Stato deve tutelare'-Famiglia: Draghi, 'sicurezza e stabilità per consentire a giovani di fare figli'-Famiglia: Draghi, 'da politiche adottate dipende futuro, governo c'è e ci sarà'-Violenza su donne: dopo Cdm conferenza stampa con tutte le ministre-Fisco: fonti, 'governo valuta contributo solidarietà per redditi oltre 75mila euro'-Fisco: fonti, 'riduzione cuneo contributivo per le fasce più deboli per il 2022'-Pari opportunità, Manageritalia: parte legge su parità salariale e donne trainano crescita dirigenti-Centrodestra: Salvini, 'Toti al lavoro con Renzi? Auguri...'-Centrodestra: Cesa ad alleati, 'dobbiamo mettercela tutta e fare quarta gamba'-Lavoro: Fedeli (Pd), 'da oggi in vigore parità salariale, ora tocca a imprese'-Governo: Rosato, 'per politica famiglie risorse straordinarie'-L'infettivologo Tascini: "Con varianti Covid puntare ancora di più su monoclonali"-**Manovra: Guerra, 'su taglio tasse valutazioni in corso anche su richieste sindacati'**-Covid: Perantoni, 'da Merkel riconoscimento anche a Conte'-**Manovra: cabina regia conferma schema taglio tasse, 7 mld Irpef e 1 Irap**-**Udc: al via assemblea nazionale con inno di Mameli**-Centrodestra: Saccone apre Assemblea nazionale Udc, 'senza di noi non si governa Paese'-Governo: Prodi, 'con Draghi o no, la legislatura finirà in ogni modo'-Quirinale: Prodi, 'all'estero più tranquilli con scelte serene e condivise'

Perché le tartarughe hanno il guscio?

Condividi questo articolo:

Grazie alla scoperta di un ragazzo di otto anni in Sud Africa, si sa finalmente di più su questi animali e sulla funzione del loro carapace

Se si chiede alla maggior parte delle persone di indovinare il motivo per cui le tartarughe hanno sviluppato i loro gusci, solitamente si ottiene sempre la stessa risposta, ovvero che il carapace gli è necessario per proteggersi dai predatori. E, in effetti, questa è la teoria sulla quale gli scienziati hanno lavorato per decenni, fino a questo nuovo studio, che suggerisce che tutto ciò che sapevamo circa l’evoluzione delle tartarughe è probabilmente sbagliato – incredibile pensare che questa svolta è stata possibile grazie a un fossile scoperto da un bambino di 8 anni in Sud Africa.

Lo studio ha preso in esame i resti di 47 diverse proto-tartarughe antiche, di una specie chiamata Eunotosaurus africanus, che aveva sviluppato solo gusci parziali. In particolare, è stato un fossile a risolvere il caso, quello scoperto da Kobus Snyman: un esemplare lungo 15 centimetri. Rispetto agli altri fossili della collezione, questo era vecchio di 260 milioni di anni, era notevolmente completo, e conteneva quasi tutte le parti dello scheletro così come le mani e i piedi dell’antico rettile.

Dopo aver scoperto il fossile, il ragazzo lo ha portato immediatamente al museo locale di Prince Albert – in Sudafrica, appunto. Ed è stata questa scoperta che ha permesso agli scienziati dal Denver Museum of Nature and Science di capire finalmente lo scopo di queste costole ampliate e dell’irrigidimento del torso nella proto-tartaruga. Non è stato per la protezione, questi rettili hanno sviluppato gusci parziali al fine di scavare più facilmente nel sottosuolo: la cassa toracica modificata ha dato a queste creature una base più stabile durante lo scavo.
Questo spiega la motivazione dell’esistenza di questo carapace che aveva perplesso i ricercatori per decenni, visto che per quanto offra protezione, rende la tartaruga molto più lenta nella sua deambulazione e affaticata nel respirare. Ora che gli scienziati sanno che le prime versioni dei gusci sono servite a uno scopo ben preciso, l’adattamento ha più senso.
La scoperta completa è stata pubblicata sulla rivista Current Biology .

Questo articolo è stato letto 46 volte.

tartaruga, tartarughe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net