L’uccello più grande del mondo viene dal passato

Condividi questo articolo:

Trovati in Crimea i resti di un volatile conosciuto di cui, però, non si sarebbero mai potute immaginare le enormi dimensioni

Secondo una ricerca recentemente pubblicata sul Journal of Vertebrate Paleontology, in una grotta è stato scoperto un sorprendente uccello gigante, della taglia di un uccello elefante del Madagascar o di un moa della Nuova Zelanda.
Abituati come siamo agli uccelli che vediamo volare nei nostri cieli, ci è molto difficile immaginare un passato in cui le taglie dei volatili fossero così enormi.

Gli scienziati sapevano dell’esistenza del Pachystruthio dmanisensis già prima di trovare i suoi resti in Crimea, ma non avevano idea delle sue dimensioni fino al ritrovamento: questa specie dimostra non solo che ci troviamo di fronte a uno tra i più grandi uccelli mai conosciuti, ma la sua presenza in Europa smentisce la convinzione che tali giganti esistessero solo sulle isole del Madagascar, della Nuova Zelanda e dell’Australia.

L’esemplare appena scoperto, rinvenuto nella grotta di Taurida sulla costa settentrionale del Mar Nero, secondo i calcoli dei ricercatori era alto almeno 3,5 metri e pesava circa 450 chilogrammi.
Il professor Nikita Zelenkov dell’Accademia russa delle scienze, autore principale della ricerca, ha spiegato che anche se non si hanno ancora dati sufficienti per dire se questo uccello abbia qualche stretta parentela con gli struzzi o con altri uccelli, si può di certo dire che il suo peso è quasi il doppio del più grande moa, che già di suo è grande tre volte il più grande uccello vivente, ovvero lo struzzo comune, e pesa quasi quanto un orso polare adulto. Inoltre, in base alle dimensioni e alla forma del femore, lungo e sottile, gli scienziati ritengono che il P. dmanisensis fosse relativamente veloce.

Gli altri fossili trovati nelle vicinanze hanno contribuito a datare il grosso uccello a 1,5-2 milioni di anni fa, il che più o meno corrisponde a quando gli ominidi sono arrivati in Europa.

Questo articolo è stato letto 1 volte.

Crimea, Fossile, resti, scheletro, uccello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net