Il ‘si’ verde di William e Kate per il matrimonio dell’anno

Condividi questo articolo:

Poteva mancare un aspetto eco friendly nel matrimonio dell’anno? Buckingham Palace e l’Abbazia di Westminster sono state allestite da Shane Connolly famoso nel mondo per un approccio sostenibile all’arte floreale. Le piante e gli arrangiamenti floreali rimarranno all’interno dell’Abbazia fino a venerdi 6 maggio. Piante in vaso al posto di fiori recisi, questa la pratica eco dei novelli sposini

Il principe William e la fidanzata Kate hanno fatto molte scelte eco-friendly per il loro matrimonio e tra queste c’è anche il floral designer a cui è stato affidato il compito di allestire gli addobbi floreali dell’Abbazia di Westminster e dei saloni di Buckingham Palace. Si tratta di Shane Connolly, conosciuto per il suo approccio sostenibile all’arte floreale in quanto i suoi allestimenti sono sempre realizzati con piante e fiori di stagione provenienti da coltivazioni organiche e reperibili in loco, includendo il maggior numero possibile di piante in vaso al posto di fiori recisi. Alberi, piante e fiori provengono dai giardini delle residenze reali di Windsor e di Sandringham e da alcuni vivaisti locali inglesi. Gli arrangiamenti floreali rimarranno visibili al pubblico all’interno dell’Abbazia di Westminster fino a venerdì 6 maggio dopodichè gli 8 alberi troveranno la loro definitiva dimora nei giardini di Highgrove, la residenza del principe Carlo nel Gloucestershire, mentre le altre piante, per espresso desiderio dei fidanzati, saranno donate ad opere di carità e saranno ripiantate. (fonte: Tgcom)

Questo articolo è stato letto 1 volte.

fiori, Inghilterra, Kate, matrimonio eco, matrimonio reale, William

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net