ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Giorgetti: "Creare le condizioni affinché l'Italia sia preferibile negli investimenti"-Calcio: Mourinho non chiama Diawara, Villar, Reynolds e Mayoral per Cagliari-Pechino 2022, iniziato il countdown dei Giochi 'blindati' per il Covid-Lepore: "In Emilia Romagna crescere è investire su competenze e informazione"-Quirinale: Rosato, 'Berlusconi non sarà candidato, non credo che aspetti nostri voti'-Omofobia: Marcucci, 'una legge è meglio di nessuna legge'-Shoah: Meloni, 'bene cittadinanza onoraria l'Aquila a Segre, donna straordinaria'-Colla (Emilia Romagna): "Centro Innovazione Philip Morris è hub che tiene insieme filiera"-**Recovery: ipotesi Cdm domani su dl per centrare obiettivi Pnrr**-Frosinone, il gioielliere Zancan: "Sono con il tabaccaio, il ladro sa che è o me o te"-1 kg di plastica marina può illuminare un appartamento per un giorno-Freni (Mef): "Valorizzare il modello italiano e l'impostazione di filiera"-Calcio: Fiorentina, Nico Gonzalez positivo al Covid-Pd: Letta, 'farò 'check' con parlamentari e dirigenti, iscriversi a piattaforma Agorà'-Prandini: "Da Philip Morris International Centro eccellenza che dà ricchezza al Paese"-Pd: Boccia, 'Ulivo nostre radici ma è passato, futuro in unità progressisti e riformisti'-**L.elettorale: Letta, 'fino a elezione Quirinale centrodestra non si muove'**-L.elettorale: Letta, 'qualunque sia ristabilire legame eletto-elettore'-Pd: Letta, 'c'è problema al Nord, nostri possibili alleati ancora più deboli di noi'-Centinaio: "Oggi la vera innovazione è la competenza"

Ecco le piante che si mangiano l’inquinamento

Condividi questo articolo:

I ricercatori olandesi fanno crescere piante affamate di CO2 per mangiare l’inquinamento

Nelle città, il problema dell’inquinamento atmosferico è sempre molto presente e le piante possono essere una soluzione incredibilmente utile. Per questo non è una follia puntare a un tipo di super pianta che possa essere particolarmente brava nell’eliminazione di questo problema, pronta a succhiare via l’inquinamento con performance particolarmente efficienti. 

È già noto che alcuni tipi di edera ed erba sono capaci di ridurre le particelle inquinanti e il biossido di azoto di circa il 60% e il 40% rispettivamente, ma esiste un certo tipo di pianta di caprifoglio che può essere in grado di operare riduzioni più grandi. I ricercatori dell‘AMS Institute, del MyEarth e del Wageningen UR si stanno occupando di un tipo di caprifoglio che viene appositamente cresciuto per essere affamato di anidride carbonica.

Il nome con cui si fa riferimento a questa super pianta è Green Junkie.

La società olandese MyEarth – finanziata dall’AMS Institute e collaborando con il Wageningen UR – ha estratto un particolare concime organico dai rifiuti vegetali di Amsterdam che gli ha permesso di modificare un gene nella Green Junkie che ha fatto aumentare i suoi «peli» col fine di acchiappare molte più sostanze inquinanti. Ora sono iniziati i test per provare la Green Junkie nelle strade di Amsterdam.

Nel tempo, la città ha già messo in atto diversi provvedimenti per combattere l’inquinamento dei veicoli – una flotta di autobus a energia eolica e solare, la non ammissione di auto a gas ad alto consumo, eccetera – ma i ricercatori hanno spiegato che i benefici di questi provvedimenti si vedranno solo a lungo termine, mentre le piante possono aiutare a mantenere l’aria della città più pulita molto prima.

Ed è esattamente questo quello che i test sulla Green Junkie mirano a dimostrare.

Questo articolo è stato letto 21 volte.

inquinamento, piante, smog, sostenibilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net