superconduttore meteorite

Un superconduttore spaziale!

Condividi questo articolo:

superconduttore meteorite

Gli scienziati trovano un materiale superconduttore all’interno di un meteorite gigante.

Per la prima volta, gli scienziati hanno trovato campioni di un materiale superconduttore che sembra aver avuto origine nello spazio.

Il superconduttore – che è un materiale che può condurre elettricità senza resistenza – si nascondeva all’interno di un frammento di un meteorite gigante che si è schiantato in Australia oltre 100 anni fa, secondo Gizmodo, e un altro campione di superconduttori è stato trovato all’interno di un secondo meteorite.

Questo suggerisce che un materiale talmente avanzato che gli scienziati stanno lottando per riuscire a svilupparlo sulla Terra può formarsi da solo nello spazio.

Siccome la lega superconduttiva specifica che i ricercatori dell’Università di California di San Diego hanno scoperto nel meteorite esiste anche sulla Terra, gli scienziati hanno dovuto ricontrollare la loro scoperta con vari metodi prima di confermane l’origine spaziale.

ùCorrevano il rischio, infatti, di annunciare di aver trovato un superconduttori extraterrestri quando avevano solo contaminato accidentalmente il campione.

Ma, secondo la ricerca pubblicata su PNAS, la scoperta sembra legittima.

Il materiale che è stato trovato nei meteoriti, comunque, non si comporta come un superconduttore a temperatura ambiente – se lo facesse, sarebbe un candidato privilegiato per i circuiti dei computer quantistici.

Invece, agisce solo come un superconduttore a circa 5 gradi Kelvin (equivalenti a -268,15°C) e visto che si tratta quasi della temperatura minima teorica dell’universo,questa scoperta anche se molto interessante, non aiuta particolarmente nella pratica.

Questo articolo è stato letto 42 volte.

meteorite, origine spaziale, superconduttore

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net