ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Sanremo, in occasione del festival arriva da Indigo.ai il chatbot 'fantacantautore'-Milano: al via dal 10 febbraio 'ChocoLove', tre giorni dedicati alla cultura del cioccolato-Quirinale: Mattarella riceve Presidente Somalia-Terremoto: Turchia, chiusura calciomercato slitta di 10 giorni-Sci: Goggia, 'ho fatto una buona gara che mi lascia speranza per la discesa'-Eni: procura Milano chiede archiviazione per Descalzi e altri su caso Congo (2)-Eni: procura Milano chiede archiviazione per Descalzi e altri su caso Congo (3)-Senato: Calenda a La Russa, 'Mussolini delinquente, se non lo capisci non meriti ruolo'-Lombardia: 150mila euro per favorire la realizzazione di orti urbani-Eni: procura Milano chiede archiviazione per Descalzi e altri su caso Congo-Senato: La Russa, 'mi sento spesso inadeguato come presidente'-Calcio: Serie A, nove squalificati per un turno-Sci: Mondiali, Kilde leader davanti a Innerhofer dopo la prima prova della discesa-**Sanremo: Fagnani, 'stasera porto il tema della scuola nelle aree più fragili del Paese'**-Calcio: Serie A, Cremonese e Samp vicine a retrocedere, in quota Verona punta a rimonta-**Sanremo: Amadeus, 'Blanco mi ha chiamato e ha chiesto scusa'**-F1: Leclerc guida ad Abu Dhabi la Ferrari 2003 di Schumacher, 'incredibile guidare questa bestia'-Calcio: De Laurentiis, 'Osimhen non è in vendita, Napoli non ha debiti e non ha bisogno di cedere'-Huawei nelle piazze d’Italia con ‘SmartBus’ per promuovere la sicurezza digitale-Video porno con minorenne, giovanissima salvata da scuola e polizia

Un elettrodo in testa per combattere la droga

Condividi questo articolo:

I medici stanno sperimentando un impianto nel cervello per combattere la tossicodipendenza

Gerod Buckhalter, lavoratore d’albergo, ha una dipendenza da oppiacei da quando aveva 18 anni, che gli ha addirittura provocato due overdose.

Ha detto al Washington Post di aver provato qualsiasi tipo di trattamento per liberarsi dalla droga – disintossicazioni di ogni tipo, soggiorni a lungo termine – ma nessuno ha funzionato. Per questo l’ormai trentunenne Buckhalter ha deciso di permettere al neurochirurgo Ali Rezai di praticare un buco nel suo cranio e di impiantargli un elettrodo nel cervello.

Stimolando elettricamente la parte del cervello che regola gli impulsi, Rezai e il suo team del Rockefeller Neuroscience Institute della West Virginia University pensano di essere in grado di aiutare Buckhalter e altri tre partecipanti a un nuovo studio sperimentale, rendendoli capaci di controllare la loro dipendenza da oppiacei.

I medici in Cina hanno già usato tecniche simili di stimolazione cerebrale profonda per trattare le persone dipendenti da oppioidi e metanfetamina, ma questo studio è il primo negli Stati Uniti a utilizzare le protesi cerebrali in questo modo.

Se tutto andrà come sperato con questi quattro pazienti, potrebbe seguire a questo un altro studio, più ampio, ma Rezai ci ha tenuto a specificare, a BBC News, che gli impianti cerebrali dovrebbero essere l’ultima spiaggia per chi ha problemi di droga: non si può pensare di arrivarci se non si sono provati altri tipi di trattamento, visto che si tratta di «un processo molto rigoroso con la supervisione di esperti di etica, regolatori e molti altri organi di governo».

 

Questo articolo è stato letto 63 volte.

dipendenza, Dipendenze, droga, elettrodo, impianto

Comments (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net