ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
sinfonia celeste

Stelle che suonano: un’esplorazione sinfonica dell’universo

Condividi questo articolo:

sinfonia celeste

Un nuovo video della NASA mostra come gli impulsi stellari si trasformano in una sinfonia celeste

La NASA ci mostra come una missione che parte per misurare le vibrazioni prodotte dai corpi celesti conosciuti come stelle giganti rosse, può tornare con una vera e propria “sinfonia” musicale che ci permette di studiarle.

La missione Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS), lanciata nell’aprile 2018, è progettata per trovare esopianeti.

La tecnica che usa per trovarli prevede il rilevamento delle stelle vicine e l’attesa per vedere se la loro luminosità diminuisce del tutto. Questi cali sono causati da un corpo planetario che passa davanti alla faccia della stella, dalla nostra prospettiva nello spazio. Essendo progettata per osservare i cambiamenti nelle stelle causati dagli esopianeti in orbita, TESS è stata anche in grado di rilevare le oscillazioni nei corpi delle giganti rosse.

Il nostro risultato iniziale, utilizzando misurazioni stellari nei primi due anni di TESS, mostra che possiamo determinare le masse e le dimensioni di questi giganti oscillanti con una precisione che migliorerà solo con il procedere di TESS“, ha affermato Marc Hon, Hubble Fellow della NASA in un comunicato stampa dell’azienda spaziale.

Spiega la NASA che una stella oscilla quando il gas che contiene si riscalda, sale, poi si raffredda e affonda e che questi impulsi possono essere tradotti in onde sonore che gli astronomi possono usare per determinare la composizione e le dimensioni delle giganti rosse in contrasto con altri tipi di stelle e tra loro. Questo sottocampo dell’astronomia, soprannominato asterosismologia, “può aiutare a determinare proprietà fondamentali per un gran numero di stelle con precisioni non ottenibili in nessun altro modo“, ha affermato la NASA nella dichiarazione.

E infatti, grazie all’apprendimento automatico, questo è successo: immettendo i dati in un computer, i ricercatori hanno tracciato le distanze di queste oltre 150.000 stelle giganti rosse e unendo le scoperte con quelle della missione Gaia – un telescopio dell’Agenzia spaziale europea (ESA) che sta creando l’immagine più dettagliata della galassia della Via Lattea – hanno contribuito a migliorare la mappa dell’universo.

Il nuovo lavoro, apparso sul server di prestampa arXiv.org, è stato accettato per la pubblicazione su The Astrophysical Journal.

Questo articolo è stato letto 15 volte.

musica dell'universo, Nasa, sinfonia celeste, stelle

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net