ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Calcio: focolaio covid al Tottenham, Conte 'siamo un po' spaventati'-Calcio: Pelè ricoverato di nuovo in ospedale per curare tumore al colon-Calcio: Spalletti, 'ora la maglia pesa di più, mantenere testa lucida'-Calcio: Spalletti, 'Osimhen? Siamo molto fiduciosi conoscendo il ragazzo'-Noury (Amnesty): "Zaki modello di difensore diritti"-Manovra: Spada (Assolombarda), 'fiducioso, tante volte le idee possono cambiare'-Scala: Spada (Assolombarda) 'Prima momento emozionante, ora speriamo in tante altre Prime'-Calcio: Udinese, Cioffi tecnico ad interim-F1: team tedesco Mercedes rinuncia a sponsorizzazione controversa-Scala: Bracco, 'è stata la Prima di tutto il Paese'-Castiglia (Art.101 Anm): "Subito riforma Csm, basta correnti"-Giustizia: Castiglia (Anm), 'subito riforma Csm, magistratura non è indipendente da politica'/Adnkronos (3)-Giustizia: Castiglia (Anm), 'subito riforma Csm, magistratura non è indipendente da politica'/Adnkronos (5)-Migranti: Papa, 'davanti ai loro volti non possiamo girarci dall'altra parte'-Papa: 'ideale santità non questione di immaginette, vivere ogni giorno umili e gioiosi'-Papa: 'ideale santità non questione di immaginette, vivere ogni giorno umili e gioiosi' (2)-Pisa: aggredisce la ex e il suo nuovo compagno con schiaffi e pugni ma la donna non lo denuncia-Università, il nuovo campus della Lumsa di Palermo-Università: il nuovo campus Lumsa sede Palermo, riqualificazione area ex stazione Lolli (2)-Covid oggi Germania, 69.601 contagi e 527 morti

Un enzima che mangia la plastica

Condividi questo articolo:

Gli scienziati hanno «accidentalmente» migliorato il batterio capace di eliminare la plastica digerendola

In una discarica di rifiuti, nel 2016, dei ricercatori giapponesi hanno scoperto un batterio che si era evoluto per consumare la plastica. Ovviamente, molti ricercatori si sono messi a studiarlo per cercare di capire come funzionasse e un team internazionale ha «accidentalmente» creato una modifica che lo rende ancora migliore.

Le ricerche, condotte dai team della University of Portsmouth e del National Renewable Energy Laboratory (NREL), sono riuscite ad ingegnerizzare l’enzima in modo da renderlo in grado di abbattere le bottiglie di plastica in polietilene tereftalato (PET). Dal NREL avevano spiegato che la bella notizia di questo batterio trovato nella discarica giapponese era sporcata dal fatto che non funzionava abbastanza velocemente per il riciclaggio su scala industriale; ma proprio mentre lo manipolavano, i ricercato della squadra internazionale hano inavvertitamente migliorato la sua capacità di divorare la plastica – solo del 20% per ora, ma essendo un enzima ottimizzabile, questa percentuale potrebbe crescere.

Di fatto, comunque, l’enzima mutante inizia subito a degradare la plastica, in pochi giorni, contrariamente ai secoli che occorrerebbero affinché le bottiglie di plastica iniziassero a degradare se fossero semplicemente nell’oceano. Questo vuol dire che si potrebbe davvero riciclare la plastica e ridurre la sua presenza nell’ambiente, anche perché gli enzimi sono biodegradabili, non tossici e i microrganismi possono produrli in grandi quantità.
Insomma, anche se la strada per ottenere risultati davvero significativi è ancora lunga, possiamo dire che è di certo quella giusta.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista «Proceedings of National Academy of Sciences».

Questo articolo è stato letto 25 volte.

Batteri, batterio, Enzima, plastica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net