ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Bper: al via riorganizzazione distribuzione, nascono 9 direzioni territoriali-Tumori, torna sul web raccolta fondi per 'La forza e il sorriso Onlus'-Covid, Baldassarre: "Contestazioni su Dpcm non riguardano sentenza Corte"-**Fi: Brunetta 'scalda' chat centristi, Calenda 'buone notizie'**-**Fi: Brunetta 'scalda' chat centristi, Calenda 'buone notizie'** (2)-**Covid: Guzzetta, motivazioni Consulta eliminano distinzione tra norme e atti amministrativi'** (2)-Milite Ignoto: FdI, 'cartolina commemorativa piena errori, governo offende memoria'-L'indagine, per 1 paziente su 5 trattamento anti-Hiv ha impatto pesante-Governo: Rospi (CI), 'promuoviamo piattaforma moderata con Iv, FI e Azione'-L'infettivologa: "Il 57% dei pazienti con Hiv vorrebbe terapia long acting"-L'infettivologa: "Giovani con Hiv tra i più insoddisfatti delle terapie"-Fi: Rosato, 'Brunetta dice cose sagge, spero diventi linea Berlusconi' (2)-Olimpiadi: Vezzali, 'complimenti a Goggia e Moioli, siete volto dell'Italia più bella'-Deejay morta, è scontro tra la Procura e la famiglia di Viviana-Deejay morta: scontro tra Pm e famiglia, Procuratore 'ricostruzioni grottesche'/Adnkronos (3)-Deejay morta: scontro tra Pm e famiglia, Procuratore 'ricostruzioni grottesche'/Adnkronos (4)-Scuola, sciopero studentesco contro doppia fascia oraria a Viterbo: "Vogliamo avere il tempo"-Lamborghini: Gandini, 'io estraneo a Nuova Countach'-Adi: "Covid ha dimostrato ruolo nutrizione, aumentare Unità negli ospedali"-I baffi di mr. Monopoly si tingono di blu per la prevenzione al maschile

I robot devono avere paura della morte

Condividi questo articolo:

Secondo gli scienziati, per migliorare le prestazioni dei robot, bisogna fargli temere costantemente la fine

Secondo le ricerche dei neuroscienziati dell’Università della California del Sud, i robot hanno bisogno di uno stimolo per lavorare meglio, quindi quello che suggeriscono di fare è programmarli per temere la morte.

Il ricercatore capo di questa ricerca, Antonio Damasio, un luminare nel campo dell’intelligenza e del cervello, e il ricercatore Kingson Man suggeriscono che il modo di creare robot resilienti non è renderli impenetrabilmente forti, ma piuttosto renderli vulnerabili, al fine di introdurre idee come la moderazione e la strategia di autoconservazione. In questo modo, si otterranno scelte migliori una produttività maggiorata.

L’obiettivo finale, secondo l’articolo redatto da questi due ricercatori e pubblicato su Nature Machine Intelligence, è quello di costruire robot e sistemi di intelligenza artificiale in grado di valutare il proprio comportamento e in questo senso, apprendere che le loro stesse azioni potrebbero portarli alla loro morte: in questo modo, possono imparare – come facciamo noi mortali – a esercitare moderazione quando è appropriato.

Le conseguenze di questa metodologia sono quelle che possiamo immaginare: sentimenti simulati, o almeno qualunque sia l’equivalente robotico dei nostri sentimenti – che ci permetterebbe, finalmente, di condividere con i nostri aiutanti meccanici quell’incubo esistenziale che è la mortalità e commiserarci insieme.

Insomma, la paura della morte potrebbe davvero essere un importante tassello di crescita lungo la strada che porta alla «vera» intelligenza artificiale: una maniera innovativa con cui materiali e computer sempre più complessi potrebbero portare le macchine verso di noi.

 

Questo articolo è stato letto 27 volte.

morte, paura, resilienza, robot

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net