ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
L'Etna si placa, oggi tregua dopo la fontana di lava dal cratere Voragine-Gareth Southgate non è più ct dell'Inghilterra-Roberta Metsola rieletta presidente del Parlamento Ue: "Non dobbiamo avere paura"-Kate, abito viola a Wimbledon "segno di speranza ma anche di potere"-Ascolti tv, a 'Battiti Live' su Canale 5 il prime time di lunedì 15 luglio-La foto del proiettile di Trump? Ferdinando Mezzelani: "Un'autentica barzelletta"-Parigi 2024, Dai biglietti ai concorsi falsi sui social media, come evitare le cyber truffe-Tour de France, oggi 16esima tappa per velocisti, percorso e orario tv-Gaza, per la Cia il leader di Hamas si nasconde nei tunnel di Khan Younis-Napoli, inaugurata stazione San Pasquale della linea 6 della metropolitana realizzata da Webuild-Roma, rapinata vedova di Chris Cornell: pugno nello stomaco, poi via con Rolex da 50mila euro-Venezia, appalti e corruzione: arrestato assessore comunale Boraso-Webuild, Pietro Salini: "Nuovo ponte Baltimora sia simbolo di sicurezza e orgoglio"-Attentato Trump, 86 secondi prima degli spari: così Thomas Crooks ha agito indisturbato-Monza, rapinata e violentata mentre apriva locale a Vimercate-Ue, confronto "intenso" Von del Leyen-Ecr. Metsola cerca la riconferma a Strasburgo-Torture e violenze in centro educazione motoria a Roma, 10 arresti-Trump riappare, saluto alla convention con orecchio fasciato-Trento, turista straniero aggredito da un orso a Dro: è ricoverato in ospedale-Ventimiglia, frustate ai migranti per farli scendere dal camion: video choc è virale - Video

L’era di resistenza agli antibiotici

Condividi questo articolo:

Bisogna prepararsi all’arrivo di un mal di gola che non sarà curabile con gli antibiotici, secondo gli scienziati

Gli antibiotici hanno avuto un excursus piuttosto spettacolare. La moderna «era antibiotica» ha inaugurato una delle forme di trattamento chimico di maggior successo nella storia della medicina, visto che gli antibiotici sono stati in grado di controllare le malattie infettive che sono state le principali cause di mortalità per la maggior parte della vita dell’uomo.

Ma i batteri non hanno smesso di combattere e si sono modificati per continuare la loro microscopica guerra contro gli antibiotici e vincere. Per questo, siamo entrati nell’«era di resistenza agli antibiotici», in cui i batteri diventano sempre più forti e i farmaci sempre meno efficaci.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce la resistenza agli antibiotici «una delle maggiori minacce per la salute globale, la sicurezza alimentare e lo sviluppo, oggi» proprio perché rende più difficile curare malattie che, in qualche modo, erano state debellate.

Secondo un recente studio, pubblicato sul Journal of Clinical Microbiology, c’è stata una mutazione in due ceppi batterici che causano il mal di gola – sono correlati allo Streptococcus pyogenes – e che mostrano una ridotta sensibilità ad ampicillina, amoxicillina e cefotaxime, antibiotici comunemente usati per trattare le infezioni causate da questi ceppi.

«Se questo batterio diventasse veramente resistente a questi antibiotici, avrebbe un impatto molto grave su milioni di bambini in tutto il mondo», ha dichiarato James M. Musser, autore principale dello studio.

«Lo sviluppo di resistenza agli antibiotici beta-lattamici» aggiunge «avrebbe un grande impatto sulla salute pubblica a livello globale» perché sebbene il mal di gola da solo non sia pericoloso, se non trattato può causare complicazioni, come un’infiammazione renale o una febbre reumatica.

E soprattutto la vera domanda che queste scoperte portano a farsi è: se non riusciremo a gestire la resistenza agli antibiotici, quali altri ceppi di quali altre malattie torneranno a vincere questa guerra?

 

Questo articolo è stato letto 36 volte.

antibiotici, mal di gola, Resistenza, salute

Comments (35)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net