ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Grappa: aumenta domanda prodotti premium e invecchiati, export +32% tra 2019 e 2022-Chiari (Cameo): "Parità genere centrale, dopo certificazione puntiamo a nostro Manifesto"-Imprese: Epar, contributo a fondo perduto per Academy aziendali anche per pmi-Cida, il 28 febbraio open day per petizione 'Salviamo il ceto medio'-Vino: Suavia, con 'I luoghi' il racconto di una famiglia e della sua terra-'Un concerto per le feste' all'Istituto Polacco di Roma-Libri: networking per costruire il futuro, esce 'Il Potere delle relazioni' di Marco Vigini-Ucraina, Architetti italiani 'in campo' con 'Design for Peace'-Design: Talenti compie 20 anni, outdoor made in Italy tra design e tecnologia-Subito, 2023 con incremento a doppia cifra fatturato rispetto al 2022 -Gallucci (Giovani Confindustria Fermo): "Il marketing a difesa del primato distretto calzatura Marche"-Mozzarella di bufala Dop: export oltre 40%, al via da Parigi tour di promozione-Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): "Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera"-Milleproroghe, l'esperto: "Ecco come funzionano le nuove regole sul contratto a termine"-Vino, al via corso Onav Roma per assaggiatori - I livello-Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"-Crollo Firenze, Cifa Italia: "Creare sistema di rating di qualità delle imprese"

L’era di resistenza agli antibiotici

Condividi questo articolo:

Bisogna prepararsi all’arrivo di un mal di gola che non sarà curabile con gli antibiotici, secondo gli scienziati

Gli antibiotici hanno avuto un excursus piuttosto spettacolare. La moderna «era antibiotica» ha inaugurato una delle forme di trattamento chimico di maggior successo nella storia della medicina, visto che gli antibiotici sono stati in grado di controllare le malattie infettive che sono state le principali cause di mortalità per la maggior parte della vita dell’uomo.

Ma i batteri non hanno smesso di combattere e si sono modificati per continuare la loro microscopica guerra contro gli antibiotici e vincere. Per questo, siamo entrati nell’«era di resistenza agli antibiotici», in cui i batteri diventano sempre più forti e i farmaci sempre meno efficaci.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce la resistenza agli antibiotici «una delle maggiori minacce per la salute globale, la sicurezza alimentare e lo sviluppo, oggi» proprio perché rende più difficile curare malattie che, in qualche modo, erano state debellate.

Secondo un recente studio, pubblicato sul Journal of Clinical Microbiology, c’è stata una mutazione in due ceppi batterici che causano il mal di gola – sono correlati allo Streptococcus pyogenes – e che mostrano una ridotta sensibilità ad ampicillina, amoxicillina e cefotaxime, antibiotici comunemente usati per trattare le infezioni causate da questi ceppi.

«Se questo batterio diventasse veramente resistente a questi antibiotici, avrebbe un impatto molto grave su milioni di bambini in tutto il mondo», ha dichiarato James M. Musser, autore principale dello studio.

«Lo sviluppo di resistenza agli antibiotici beta-lattamici» aggiunge «avrebbe un grande impatto sulla salute pubblica a livello globale» perché sebbene il mal di gola da solo non sia pericoloso, se non trattato può causare complicazioni, come un’infiammazione renale o una febbre reumatica.

E soprattutto la vera domanda che queste scoperte portano a farsi è: se non riusciremo a gestire la resistenza agli antibiotici, quali altri ceppi di quali altre malattie torneranno a vincere questa guerra?

 

Questo articolo è stato letto 32 volte.

antibiotici, mal di gola, Resistenza, salute

Comments (35)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net