luna

Dove nasconde il suo ossigeno la Luna?

Condividi questo articolo:

luna

La Luna ha abbastanza ossigeno per sostenere la vita di miliardi di persone

L’atmosfera quasi sottovuoto del satellite naturale della Terra non ha abbastanza ossigeno per sostenere la vita umana. Ma come ha scritto questa settimana il ricercatore del suolo della Southern Cross University John Grant su The Conversation, il suo strato superiore di terreno roccioso, noto come “regolite”, contiene probabilmente abbastanza ossigeno per far sopravvivere 8 miliardi di persone per circa 100.000 anni.

L’unico problema, ovviamente, è che non si possono respirare le rocce.

Ed è per far fronte a questo problema che è nato un nuovo programma congiunto tra l’Agenzia spaziale australiana e la NASA. Firmato a ottobre, l’accordo invierà un rover australiano sulla Luna tramite il programma Artemis della NASA per raccogliere rocce lunari e, come ha scritto la NASA in un comunicato stampa, “nel tentativo di estrarre ossigeno dalla regolite lunare”. I risultati hanno il potenziale per cambiare la civiltà, perché se i coloni lunari possono sintetizzare aria respirabile in situ, una base lunare a lungo termine diventerebbe molto più fattibile.

La tecnologia per l’estrazione, nota come elettrolisi, esiste già ed è “un processo piuttosto semplice”, ha detto Grant.

Sulla Terra questo processo è comunemente usato nella produzione, ad esempio per produrre alluminio“, ha scritto. “Una corrente elettrica viene fatta passare attraverso una forma liquida di ossido di alluminio (comunemente chiamata allumina) tramite elettrodi, per separare l’alluminio dall’ossigeno“.

L’ossigeno costituisce circa il 45% del suolo lunare, ha osservato Grant, ma per estrarlo dagli altri elementi che compongono la regolite – come silicio, alluminio e magnesio – gli scienziati dovranno utilizzare molta energia e attrezzature industriali per separarli.

Anche se la logistica dell’estrazione di ossigeno sulla superficie lunare rappresenta “una grande sfida”, Grant ha osservato che Space Applications Services, una startup belga, ha annunciato piani per costruire tre reattori e inviarli sulla Luna per creare ossigeno tramite elettrolisi.

E potrebbe succedere presto, se tutto va secondo i piani.

La società ha affermato che prevede di inviare i suoi reattori sperimentali sulla Luna entro il 2025 in tandem con il programma di utilizzo delle risorse in situ (ISRU) dell’Agenzia spaziale europea.

Questo articolo è stato letto 23 volte.

Luna, ossigeno, regolite, vita sulla luna

Commento

I commenti sono chiusi.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net