ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

Ecoinvenzioni: il frigorifero in argilla che funziona senza elettricita’

Condividi questo articolo:

Il frigorifero in argilla Mitti Cool e’ l’interessante soluzione proposta per conservare gli alimenti e risparmiare energia in casa

Il frigorifero in argilla che funziona senza elettricità è l’interessante soluzione economica proposta per conservare gli alimenti e risparmiare energia in casa. Si tratta, in pratica, di uno speciale frigo che non ha bisogno di corrente elettrica per funzionare ed è in grado di mantenere fresca frutta, verdura, formaggi e latticini fino ad una settimana.

Il nuovo frigorifero, denominato ‘Mitti Cool’ e realizzato dall’inventore indiano Mansukhbhai Prajapati, è stato realizzato con una speciale tipologia di argilla, attraverso delle particolari tecniche di lavorazione artigianale. Per il mantenimento dei cibi, il nuovo frigo utilizza una procedura semplicissima: si utilizza dell’acqua fresca per raffreddare l’involucro esterno di argilla di ‘Mitti Cool’. In questo modo sia la parte interna del frigo che il suo contenuto rimarranno freschi per circa una settimana, anche quando l’acqua comincerà ad evaporare durante il caldo di una giornata afosa.

Il frigorifero ‘Mitti Cool’ infatti, si manterrà sempre ad una temperatura inferiore di 8 gradi centigradi rispetto all’ambiente esterno. Particolarmente adatto per essere utilizzato nei Paesi in via di sviluppo, il costo di questo frigo artigianale a totale risparmio energetico è piuttosto economico: circa 50 dollari. Per chi fosse interessato, è possibile acquistare il frigo ‘Mitti Cool’ facendo riferimento a questo sito.

(Matteo Ludovisi)

Questo articolo è stato letto 16 volte.

acqua, ambiente, argilla, energia, frigorifero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net