ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Coronavirus: Lombardia, 'anomalia in settimana 35, Iss chiesto dato su stato clinico'-Coronavirus: Fontana, 'problema in algoritmo Rt? molto probabile ma riguarda Iss'-Coronavirus: Moratti, 'bastava sospendere ordinanza, ingiusto attribuirci errore'-Coronavirus: Fontana, 'andremo avanti col Tar, pretendiamo la verità su errore dati' (2)-Coronavirus: Fontana, 'disponibili con governo ma non se accusati ingiustamente' (2)-Coronavirus: Fontana, 'mai sbagliato a dare nostri dati, mai rettificato' (2)-Governo: Orlando, 'larghe intese non praticabili'-Giustizia: Orlando, 'su relazione serve iniziativa governo per dare segnale nuovo'-Governo: Orlando, 'no a maggioranza di volta in volta, serve qualcosa di duraturo'-Governo: Orlando, 'sostituzione Conte strada impercorribile'-Governo: Orlando, 'elezioni catastrofe ma sono strada necessitata, difficili altre soluzioni'-Governo: Orlando, 'Renzi vuole uccidere il Pd, si può fare della strada con lui?'-Governo: Orlando, 'passaggio dal centro a Iv è riformismo, se no voltagabbana...'-Governo: Orlando, 'il rischio elezioni è cresciuto'-Coronavirus: Confcommercio Lombardia, 'chi ha sbagliato paghi, errore costato 600 mln'-Coronavirus: Ciaruffoli (ceo Burgez), 'errore zona rossa altra mazzata per imprenditori'-Governo: Toccafondi, 'invece di cercare costruttori M5s e Pd affrontino temi con Iv'-Coronavirus: Confesercenti Bergamo, 'su zona rossa ultimo errore di lunga catena'-**Recovery: Gozi, 'confusione totale, governo prenda esempio dalla Francia'** (2)-Como: violenta e picchia fino a ucciderla figlia di 18 mesi della compagna, arrestato (2)

UE: al bando tre insetticidi dannosi per le api

Condividi questo articolo:

Approvato il divieto permanente di tre prodotti che mettono a rischio la vita delle api

L’Unione Europea si è espressa: da oggi tre neonicotinoidi dannosi per le api – l’imidacloprid e il clothianidin della Bayer e il tiamethoxam della Syngenta – sono banditi. Il loro utilizzo rimarrà consentito solo all’interno di serre permanenti.

Il decreto arriva dopo anni di lotta ed estende quello del 2013, che aveva già apposto forti restrizioni nei confronti delle tre sostanze.

È provato scientificamente, infatti, che gli insetticidi neonicotinoidi mettono gravemente a rischio le colonie di api, attraverso le polveri che contaminano le coltivazioni e, di conseguenza, i pollini.

A contrario di quanto fece nel 2013, l’Italia ha votato a favore del bando, assieme a Francia, Germania, Spagna, Regno Unito, Paesi Bassi, Austria, Svezia, Grecia, Portogallo, Irlanda, Slovenia, Estonia, Cipro, Lussemburgo, Malta, che rappresentano il 76,1% della popolazione dell’Ue.
Contrari al divieto, invece, Romania, Repubblica Ceca, Ungheria e Danimarca. Otto gli astenuti: Polonia, Belgio, Slovacchia, Finlandia, Bulgaria, Croazia, Lettonia e Lituania.

Oltre a questi tre insetticidi, ce ne sono altri capaci di minacciare la vita degli insetti benefici. Per esempio, l’ acetamiprid, il thiacloprid, il sulfoxaflor e il flupyradifurone. Per evitare, quindi, che questi tre neonicotinoidi messi ora al bando vengano sostituiti con altre sostanze altrettanto dannose, Greenpeace ha chiesto all’Ue di bandire l’uso di tutti i neonicotinoidi, come già pensato dalla Francia.

A livello globale, 87 delle 115 principali colture alimentari dipendono da impollinatori animali e contribuiscono al 35% della produzione alimentare mondiale. Perdere le api, quindi, non sarebbe solo triste ma terribilmente dannoso per l’ecosistema

 

Questo articolo è stato letto 5 volte.

api, pesticidi, Unione europea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net