ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fase 2: Bertolaso, 'polemiche in Sicilia? Fava ha perso un'occasione per stare zitto'-Fase 2: Bertolaso, 'polemiche in Sicilia? Fava ha perso un'occasione per stare zitto' (2)-Fase 2: Bertolaso, 'polemiche in Sicilia? Fava ha perso un'occasione per stare zitto' (3)-Fase 2: Bertolaso, 'Fontana mi chiede una mano? Sono un pensionato ma lo aiuto volentieri'-Gilet arancioni, denunciato Pappalardo-Milano: presidio gilet arancioni autorizzato, saranno denunciati per Dpcm-**Milano: Sala, 'chiesto a prefetto di denunciare gilet arancioni per manifestazione'**-Coronavirus: quasi 51mila guariti in Lombardia, stabili ricoveri in terapia intensiva-Spazio: Dragon-2 di Space X pronta al lancio, resta rischio meteo-Fase 2: sindaco Trapani, 'assistenti civici? Fesseria, Boccia torni al Consiglio comunale'-Fase 2: Dadone, 'con dl semplificazioni obbligo a pubblicare tempi pratiche edilizie'-Ricerca: dalle Tac ai controlli in dogana, nuovo materiale 'smaschera' radiazioni-Appalti: Salini, 'superare codice? D’accordo con Di Maio'-Portafogli vegani-Coronavirus: Abi, domande a Fondo Garanzia 1 miliardo al giorno, finora arrivate 21,3 mld-Fase 2: Il comune di Cefalù pubblica le nuove regole per i bagnanti-Sicilia: 'Musumeci ritiri delega assessore leghista', il 2 giugno manifestazione a Palermo-Sicilia: Dissesto idrogeologico, a San Teodoro al via i lavori di consolidamento-Agrigento: invece dei meloni coltivavano serra cannabis, denunciati padre e figlio-Messina: riciclaggio e reimpiego di fondi illeciti, quattro arresti della Gdf

La Cina vieta l’importazione dei «rifiuti stranieri»

Condividi questo articolo:

Gli Stati Uniti esportano molti dei propri rifiuti riciclati in Cina, anzi esportavano

La decisione della Cina riguarda molti paesi, ma sono sicuramente gli Stati Uniti quelli che ne risentiranno maggiormente, visto che esportano circa un terzo del proprio riciclaggio e quasi la metà di questo si dirige verso la Cina. Recentemente, il paese del Sol Levante ha deciso di vietare l’importazione di alcuni rifiuti solidi, sostenendo che molto spesso i rifiuti stranieri contengono troppi articoli non riciclabili, pericolosi o sporchi.

E così la decisione è stata quella di vietare 24 tipi di rifiuti solidi per proteggere gli interessi ambientali e la salute delle persone in Cina e, da quello che è stato scritto, tra la spazzatura che il paese vieterà dovrebbe esserci rifiuti di plastica da fonti viventi, scorie di vanadio, carta straccia indifferenziata e materiali tessili di scarto.

Il divieto completo è entrato in vigore il 1° gennaio 2018, ma alcuni importatori cinesi hanno già iniziando a non rinnovare le licenze, quindi le società di riciclaggio americane cominciano a risentire delle conseguenze di questa decisione.

Rogue Waste Systems in Oregon raccoglie il riciclaggio attraverso i cestini porta a porta, e il manager Scott Fowler ha detto che ci sono sempre articoli non riciclabili mescolati con i materiali riciclabili e che fino a questo momento la Cina ha sempre risolto questo problema. Ora che tutto cambia, però, questi oggetti – mescolati o no – non avranno più un posto dove andare.

A quanto pare, molte aziende in difficoltà – tra cui la Rogue Waste – vedendo accumularsi balle di materiale riciclato nei magazzini si sono viste costrette a portare tutto nelle discariche più vicine, chiedendo anche alle autorità di regolamentazione se fosse lecito farlo.

Il presidente di Pioneer Recycling, Steve Frank, invece, ha detto che ha spostato la destinazione dei materiali in altri paesi, ma che il resto del mondo non può colmare questa lacuna.

Questo articolo è stato letto 7 volte.

Cina, rifiuti, stati uniti, Stati Uniti d'America

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net