Scambiare prodotti usati fa bene all’ambiente

Condividi questo articolo:

La societa’ Rete Clima, su commissione del portale Subito.it, ha quantificato la carbon footprint di 10 categorie di beni piu’ scambiati sul portale on-line

Scambiare prodotti usati fa bene all’ambiente. Parola della società ‘Rete Clima’ che, su commissione del portale ‘Subito.it’, ha quantificato la ‘carbon footprint’ (o impronta di carbonio), di 10 categorie di beni più scambiati (PC, notebook, tablet, Tv, console, smartphone, lavatrici, passeggini, T-shirt e mobili con fuochi per cucina) dagli oltre 6,3 milioni di italiani che usano il portale di annunci on-line ogni mese. La carbon footprint rappresenta l’emissione di gas clima-alteranti (come ad es. la CO2) attribuibile ad un prodotto (o anche ad un’organizzazione o un individuo), che viene misurata in CO2 equivalente (CO2eq), ossia come impatto climatico di origine antropica.

Scambiare oggetti usati e riutilizzarli evita quindi una nuova produzione industriale, diminuisce lo sfruttamento di risorse e allunga la vita degli oggetti. Basti pensare che la produzione di un PC emette 140 kg di CO2eq, pari alle emissioni di due auto che percorrono 3.200 km. Per produrre un televisore Lcd da 34 pollici si emettono invece 750 kg di CO2eq, pari alle emissioni di 2 lampadine da 80W accese per 24 ore al giorno per un anno intero.

Proprio oggi, in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, ‘Subito.it’ e ‘Rete Clima’, hanno inoltre lanciato un nuovo tool interattivo che permetterà di capire i risparmi ambientali collegati al riuso dei prodotti più scambiati.

(ml)

Questo articolo è stato letto 3 volte.

ambiente, auto, carbonio, CO2, emissione, emissioni, gas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net