Passeggiate d’estate, come evitare i morsi di vipera

Condividi questo articolo:

Diffuse in tutta Italia tranne che in Sardegna, le vipere mordono solo se colte di sorpresa. E solo in rari casi il veleno porta alla morte

Essendo la vipera l’unico serpente velenoso esistente in Italia è stata per anni vittima di pregiudizi e spesso perseguitata con ferocia anche senza necessità. Al contrario, come spesso accade per i serpenti, si tratta di animali importanti per la conservazione dell’ecosistema anche se, per una passeggiata in montagna, è giusto adottare le opportune precauzioni per evitare morsi. 

In Italia esistono quattro tipi di vipere localizzate in tutto il territorio, ad eccezione della Sardegna. Va ricordato che è molto difficile che il veleno di una vipera possa portare alla morte. Diverso è il discorso se invece si verificano casi di allergia al veleno. In tal caso la vittima rischia lo shock anafilattico (ma questo accade anche in caso di allergie al veleno di un’ape per esempio). Nei casi di morso senza reazioni allergiche, invece, l’avvelenamento ha un decorso molto lento, quindi c’è il tempo di raggiungere un ospedale. Il morso normalmente causa edema e gonfiore, disturbi gastrointestinali come nausea, vomito e diarrea, a volte anche offuscamento della vista, spossatezza, abbassamento della pressione, difficoltà ad aprire le palpebre. Solo in casi molto rari arriva alla morte. E’ bene però rivolgersi al personale medico o all’ospedale più vicino per monitorare la situazione e scegliere la terapia adeguata.

Ci sono poi una serie di accorgimenti che è bene prendere per evitare il morso di vipera:

– Per le passeggiate scegliere sempre calzature adatte. No alle scarpe aperte, meglio utilizzare scarponcini che coprono anche la caviglia.

– Non infiliamo le mani nude fra il fogliame o fra le pietre. 

– Avvertiamo sempre della nostra presenza facendo rumore, battendo le mani o muovendo le foglie e il terreno di fronte a noi con un bastone. La vipera morde solo se colta di sorpresa. 

– In caso di morso evitare soluzioni fai da te, copiate da qualche film. Avvisare subito il 118 e cercare di muovere il meno possibile l’arto colpito. Non succhiare né aspirare il veleno. Raggiungere il punto di soccorso più vicino.

(A.S.)

Questo articolo è stato letto 19 volte.

allergia, foglie, montagna, serpente, vipera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net