Ora della terra. Più di 65 paesi e 6500 citta’ hanno spento le luci

Condividi questo articolo:

Luci spente sui principali monumenti di più di 6500 città, per lanciare al mondo un messaggio di sensibilizzazione sui cambiamenti climatici. Al buio in Italia Castel Sant’Angelo a Roma

Il giro del mondo ha preso il via il 31 mattina (ora italiana) da Samoa e nel giro di ventiquattr’ore ha spento icone mondiali come la Grande Muraglia cinese, il Giardino Sacro di Lumbini in Nepal, il “Gateway of  India”, simbolo della città di Mumbai, il BurjKhalifa il grattacielo più alto del mondo in Dubai, la Table Mountain, la Tour Eiffel, la Porta di Brandeburgo, il Big Ben a Londra, la statua del Cristo Redentore di Rio, la CN Tower di Toronto, le Cascate del Niagara, la “Las Vegas Strip”, una delle vie più famose e illuminate del mondo, e poi Times Square, l’Empire State Building, la sede delle Nazioni Unite, i siti dell’UNESCO e molti altro ancora, fino al gran finale alle isole Cook, nel piccolo atollo di Aitutaki, gravemente minacciato dal cambiamento climatico e dall’innalzamento del livello del mare, che è stato l’ultimo a spegnere le luci questa mattina.

In Italia emozionante evento centrale a Roma, dove l’etoile della danza Roberto Bolle e Fulco Pratesi, presidente onorario del WWF Italia, hanno  spento Castel Sant’Angelo e, sullo sfondo, la Cupola di San Pietro.

Mentre all’ombra del Castello, grazie alle instancabili pedalate di 128 biker volontari che per oltre un’ora hanno donato l’energia allo speciale “Palco a pedali-Goodbike”, i Tetes de Bois ideatori del progetto, con la partecipazione di Elisa e Niccolò Fabi, hanno cantato il loro messaggio per il pianeta insieme al WWF, un suggestivo racconto fatto di immagini, musica e poesia, dalla storia della bicicletta in Italia al “Food, Water and Energy for All. For Ever” lanciato dal WWF in vista di Rio+20. Sul palco, di fronte a migliaia di spettatori, anche il direttore generale del WWF internazionale Jim Leape. E in chiusura, emozionante interpretazione di tutti gli artisti insieme sulle note della canzone “Luce” di Elisa, proprio mentre in tutta Italia la luce stava per tornare.

Questo articolo è stato letto 12 volte.

buio, cambiamenti climatici, ora della terra, Roma, wwf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net