La calza della Befana é ‘naturale’3

Condividi questo articolo:

Come é la befana del 2015? Ce lo rivela Coldiretti

La calza della befana sarà presente in metà delle case italiane secondo uno studio di Coldiretti. L’associazione nota una inversione di tendenza: più prodotti naturali e meno dolciumi artificiali.

‘La spinta verso regali utili dettata dalle difficoltà economiche contagia anche la Befana e nella calza – sottolinea la Coldiretti – tornano insieme ai dolciumi anche fichi e prugne secche, nocciole, noci e soprattutto biscotti fatti in casa. La crescente attenzione al risparmio e all’alimentazione dei bambini ha cambiato dunque il contenuto delle calze appese al camino dalla simpatica vecchietta che in passato ai più discoli regalava solo aglio, peperoncino, patate e carbone vero’. 

L’organizzazione agricola vede un cambio di mentalità nelle famiglie, anche perché un terzo dei bimbi italiani è sovrappeso: ‘nelle case si tende a sostituire con cibi naturali – continua Coldiretti – caramelle, cioccolate, gomme da masticare e bon-bon’

‘Tornano i prodotti naturali dunque a simboleggiare – ricorda Coldiretti – il significato della ricorrenza che, nell’antichità celebrava la morte e la rinascita della natura dopo il solstizio invernale. Si narra infatti – conclude l’organizzazione – che, durante questa notte Madre Natura, esausta per le energie spese durante tutto l’anno, si trasformava in una buona vecchina che, dopo aver consegnato i doni, simbolo di una nuova semina, era pronta a farsi bruciare per far rinascere dalle sue ceneri una luna nuova rappresentata da una giovane Natura’.

E sei bimbi non hanno fatto i bravi c’è sempre il carbone! O meglio, ecco la ricetta per il carbone dolce.

a.po

 

 

 

 

Questo articolo è stato letto 17 volte.

2015, befana, coldiretti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net