ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Francia: Furlan, 'uccidere in chiesa atto di barbarie, vicini a comunità cattolica francese-"Con Covid pazienti con psoriasi in gravi difficoltà"-Francia: fonti investigative, 'attentatore sbarcato a Lampedusa il 20 settembre'-"Volontà del governo a investire sulla realizzazione di impianti a biometano"-Scanavino (Cia): "Agricoltura centrale in ogni politica ecologica"-Governo: Lamorgese ricorda uomini scorta a P.Chigi, 'grati a 2 uomini eccezionali'-Prandini (Coldiretti): "Sviluppo biogas e biometano fondamentale per modello circolare"-Governo: Conte ricorda uomini scorta, 'rimarranno vivi nei nostri cuori'-Giansanti (Confagricoltura), 'Ruolo centrale delle imprese agricole in 'Farming for future' per obiettivi green"-Diabete, da Medtronic sistema automatizzato per infusione insulina-Coronavirus: Salvini, 'cure a domicilio e farmaci che non piacciono a multinazionali'-Dl ristori: Salvini, 'prima di promettere altri soldi pagate quelli già dovuti'-Truffe, Igt: "Sospesi 4 dipendenti Lottomatica"-**Coronavirus: Salvini, 'italiani chiusi in casa e delinquenti liberi'**-Coronavirus: Salvini, 'di tutto per evitare lockdown'-Coronavirus: Salvini, 'problemi a Conte da maggioranza, vogliono rimpasto'-Francia: Salvini, 'altri contagi si diffondono, siamo francesi senza se e senza ma'-Cib lancia 'Farming for Future', roadmap per transizione agricoltura-Pirelli, automobilisti italiani sempre più attenti a pneumatici invernali e all season-Francia: deputato France Insoumise, 'si cerca di destabilizzare, serve unità del Paese'

Il Mar Morto si sta riducendo a un ritmo allarmante

Condividi questo articolo:

Il Mar Morto è vittima di una incredibile riduzione, praticamente un minimo storico per la Terra

Sarebbe facile fare giochi di parole su questo dramma ambientale e introdurlo con una frase del tipo: «Il Mar Morto sta morendo», ma sarebbe una falsità. Il Mar Morto non sta morendo, anche se è vittima di una essiccazione allarmante, che gli fa perdere quasi un metro ogni anno.

Il Mar Morto – il punto più basso della Terra a circa 400 metri sotto il livello del mare – è noto per il suo alto contenuto di minerali e sali che permettono ai nuotatori di galleggiare senza sforzo sulla sua superficie, ma la quantità di spazio disponibile per questi galleggiamenti si sta restringendo.
Essendo nel punto più depresso del nostro pianeta, risente di un calore che provoca un’evaporazione ingestibile: per alcuni studiosi, è destinato per questo motivo allo scomparsa, mentre per altri, arriverà un momento in cui verrà raggiunto un equilibrio tra la velocità di evaporazione e l’acqua immessa dagli affluenti.
In ogni caso, la situazione è preoccupante: durante la prima guerra mondiale, alcuni ingegneri britannici avevano inciso le loro iniziali su una roccia per segnare il livello delle acque, oggi quei segni sono ben visibili su una roccia completamente asciutta che spicca come una torre.

Anche i resort locali raccontano questo restringimento: nella località turistica di Ein Gedi, quando l’edificio principale è stato realizzato, l’acqua dal mare lambiva le pareti, ora è stato costruito un trenino speciale per portare i turisti a bordo dell’acqua perché il Mar Morto è a 2 Km di distanza. Per non parlare delle coltivazioni e degli agricoltori che sono in pericolo, come tutto il resto – il numero di doline che si formano è in costante aumento e non è prevedibile.
La decisione di agire e che tipo di azione fare sono le tematiche di un dibattito scientifico e politico che va avanti da moltissimo tempo. Speriamo che si faccia presto qualcosa, anche perché, durante quest’attesa, il Mar Morto non fa che continuare a contrarsi.

Questo articolo è stato letto 69 volte.

mar morto, siccità, Surriscaldamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net