ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"-Crollo Firenze, Cifa Italia: "Creare sistema di rating di qualità delle imprese"-Crollo Firenze, Panzarella (FenealUil): "Tavolo permanente su sicurezza, modello Giubileo per limiti a subappalto a cascata"-Tributaristi: "Sì aggiornamento professionale come garanzia e tutela utenza"-Mestieri: non solo scarpe, a lezione di creatività e imprenditorialità dal maestro calzolaio di Acilia-Municipia-Yunex Traffic Italia, insieme per trasformazione digitale mobilità urbana-Crollo Firenze, ingegneri: "Subappalto a catena ostacolo all’attuazione del piano sicurezza"-Lavoro, Fly future 2024: "Compagnie aeree e aziende aerospaziali cercano migliaia di giovani"-Professioni: Consiglio Periti industriali ottiene certificato per parità di genere-Parchi divertimento: Ira (Leolandia): "L'esperienza è il valore centrale, più occupati con estensione stagione"-All'Università Lum arriva la Scuola di Alta formazione in turismo digitale-Syngenta Italia, nuovo video istituzionale sulla storia di innovazione al fianco degli agricoltori italiani-Lavoro, Gruppo Sae e Sardegna: al via recruiting sulla comunicazione digitale-Turismo, Bianchi Degl’Innocenti (FH55 Hotels): "Per donne imprenditrici sfida sia opportunità"-Digitale, Ambrosetti: "Settore richiede nuove tecnologie e materiali sostenibili"-De Lise (Aiecc): "Allarme costi materie prime, rischi per fatturati e bilanci delle imprese"-Milleproroghe: Cifa Italia, positivo emendamento proroga regime Iva Terzo settore
microplastiche

Batteri che catturano le microplastiche

Condividi questo articolo:

microplastiche

Trovata forse la soluzione per catturare e smaltire le microplastiche dagli ambienti naturali

Gli scienziati del Politecnico di Hong Kong hanno trovato un modo per utilizzare la naturale viscosità dei batteri per estrarre le microplastiche dall’ambiente. La loro teoria è che le microplastiche nell’acqua inquinata aderiscano alle reti batteriche simili a nastri, formando un blob di plastica che può essere facilmente riciclato o smaltito.

“È fondamentale sviluppare soluzioni efficaci che intrappolino, raccolgano e persino riciclino queste microplastiche per fermare la ‘plastificazione’ dei nostri ambienti naturali”, ha affermato Sylvia Lang Liu, ricercatrice principale del progetto secondo quanto riportato da The Guardian.

Le microplastiche sono i minuscoli frammenti di plastica più piccoli di 5 mm che vengono costantemente rilasciati nell’ambiente dal lavaggio di tessuti sintetici e dal lavaggio del viso con prodotti contenenti microsfere oltre alla disintegrazione generale di sacchetti e bottiglie di plastica.

Alla fine si fanno strada negli oceani, dove mettono in pericolo gli animali marini.

Gli scienziati hanno utilizzato un batterio chiamato Pseudomonas aeruginosa per creare una sostanza adesiva chiamata “biofilm“, una rete batterica, in grado di attirare microplastiche galleggianti nell’acqua, intrappolarle e poi portarle a fondo. A questo punto, grazie a un gene di dispersione del biofilm, i ricercatori possono liberare le microplastiche dalle trappole batteriche e riciclarle.

Per ora, questa soluzione di intrappolamento di microplastiche è ancora ipotetica. Ha funzionato in laboratorio, ma si deve capire se le cose andranno bene anche in una fogna, in un lago o in un oceano. Inoltre, lo Pseudomonas aeruginosa trasporta malattie che colpiscono gli esseri umani, quindi probabilmente non è l’idea migliore per i progetti nel mondo reale. Tuttavia, Liu e gli altri scienziati sono fiduciosi di aver scoperto qualcosa con questo metodo.

Il tempo ci dirà se hanno ragione.

 

Questo articolo è stato letto 131 volte.

ambienti naturali, Batteri, microplastiche, plastica, reti batteriche

Comments (5)

I commenti sono chiusi.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net