ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Aviaria, la preoccupazione degli esperti: "Vediamo solo la punta dell'iceberg"-Morbillo, ad aprile 145 casi contro 1 del 2023-Covid 'vaccinazione preventiva' anti cancro, lo studio-Marinari (Humanitas): "Contro obesità arma più efficace ma farmaci aiutano"-Euro 2024, il 31 maggio azzurri a Coverciano: ecco i 30 convocati-"Non sembra lei", criticato anche il ritratto ufficiale di Kate Middleton-Formazione, Fond. Diasorin: al liceo scientifico G. Terragni primo premio concorso nazionale Mad for science-Leo, il cane cieco campione nella ricerca del tartufo: ecco la sua storia-Inps, Vittimberga: "Siamo ente previdenziale più grande d'Europa"-Roland Garros, sorteggiato il tabellone: Sinner esordisce con Eubanks, Musetti sfida Galan-Torna Rimini Wellness Off, il grande fuorisalone del fitness, del benessere e dello sport-Pertosse, allerta pediatri per epidemia: 3 morti da gennaio e +800% ricoveri-Gaza, chiesto mandato di arresto per Netanyahu e Sinwar: cosa succede ora-Futuramente, largo alle donne con la 'Fisica che ci piace'-'Pane&Nutella' progetto per valorizzazione tradizione italiana panificazione-Fisco, Quickfisco: "Nel 2023 aperte 492.176 nuove partite iva, 70% liberi professionisti e autonomi"-Sicilia, CIForma: "Serve rating enti di formazione e uno stretto controllo dei ccnl applicati"-Toblerone e Oreo 'protetti', maxi multa Ue da 337 milioni a Mondelez-Ucraina, Kharkiv ancora sotto le bombe. Russia minaccia Gb-Francia, continua caccia all'evaso: cercò di comprare fucili d'assalto in cella

Acqua all’arsenico. Piu’ di 100 comuni sono ancora fuorilegge

Condividi questo articolo:

Acqua potabile con un contenuto di arsenico, boro e fluoriri oltre i limiti di legge. Lazio, Toscana e Campania le regioni imputate da Legambiente

Arsenico, boro e fluoruri oltre i limiti di legge nell’acqua che sgorga dai rubinetti di un milione di italiani: l’acqua potabile fornita nelle loro abitazioni è di scarsa qualità e non sicura. A lanciare l’allarme è un dossier di Legambiente e Cittadinanzattiva ‘Acque in deroga’, secondo cui le famiglie dei 112 i comuni italiani interessati da deroghe, ovvero da leggi speciali che consentono di tenere aperti gli acquedotti anche se ricchi di sostanze fuorilegge, bevono ancora acqua pericolosa.

Il dossier ‘Acque in deroga’ traccia la mappa delle località ‘fuorilegge’ e ricostruisce la questione delle deroghe negli ultimi nove anni. Dal 2003 al 2009, 13 regioni hanno richiesto le deroghe, ma attualmente a superare i valori massimi consentiti sono soltanto il Lazio con 90 comuni coinvolti, la Toscana con 21 e la Campania con uno. In totale sono quindi 112 Amministrazioni, che dovranno mettersi in regola entro la fine del 2012 come previsto dal decreto legislativo n. 31 del 2001. ‘Il problema – spiega Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente – e’ che in Italia lo strumento della deroga, inizialmente previsto solo come misura transitoria per dare tempo alle autorità competenti di realizzare gli interventi necessari, e’ stato adottato con leggerezza’. In pratica, sostiene Zampetti, la deroga si e’ trasformata in ‘un espediente per prendere tempo e alzare i limiti di legge rispetto ad alcune sostanze fuori parametro’. 

L’acqua all’arsenico torna quindi a fare paura. L’allarme sulla velenosa acqua era stato rievocato qualche mese fa, quando una sentenza storica aveva condannato il Ministero dell’Ambiente e il Ministero della Salute a risarcire i cittadini. La situazione, promettevano, sarebbe cambiata al più presto e le autorità avrebbero svolto i lavori quanto prima. Ma in 112 comuni la situazione sembra essere solo peggiorata.  

(GC)

Questo articolo è stato letto 40 volte.

acqua, acqua all'arsenico, acqua contenete sostanze illegali, acqua inquinata, acqua non potabile, acqua potabile, acqua velenosa, campania, lazio, toscana

Comments (8)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net