ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Qatar 2022: Szczesny, 'ho perso scommessa con Messi sul rigore ma non pago, è già ricco'-Ue: Picierno, 'il3/12 a Bari con Fitto, prima tappa viaggio nel Sud'-Wartsila: Uilm, lavoratori Trieste approvano accordo, ora vigileremo su attuazione-Twitter: pace fatta fra Musk e Apple, Cook non rimuoverà il social dall'app store-Cuzzilla, 'c'è attacco al reddito fisso, è scandaloso'-Brambilla, 'numero sempre più esiguo di contribuenti paga sempre di più in tasse'-Itinerari previdenziali, welfare finanziato con fiscalità generale, onere molto gravoso-Pd: insediato Comitato costituente, al via lavori su manifesto valori e principi-De Bertoldi, 'per Rgs retroazioni fiscali valgono come coperture ma nessuno le usa'-Fisco, Gusmeroli (Lega): 'serve semplificazione ed equità nelle sanzioni'-Qatar 2022: Frappart, 'dovrò controllare le mie emozioni per arbitrare bene'-**Musica: Pinguini Tattici Nucleari, 'il gioco di squadra ci ha reso quelli che siamo'**-Itinerari previdenziali, per 79,2% italiani redditi fino a 29mila euro, pagano solo 27,57% di tutta Irpef-Itinerari previdenziali, su 13% contribuenti peso 60% Irpef-Cuzzilla (Cida), 'sempre meno lavoratori sostengono peso crescente pressione, inaccettabile'-Dc: Prodi, 'Bianco aveva visione, passione e cultura, è stato un protagonista'-Ucraina: Francia primo paese a sostenere creazione tribunale per crimini russi-**Governo: Meloni, 'Italia mosaico territori da potenzialità straordinarie'**-Mattarella: 'Transizione non è più passaggio tra epoche ma cammino costante '-Governo: Meloni, 'visione di lungo periodo per costruire Italia del dopodomani'

Acqua all’arsenico. Piu’ di 100 comuni sono ancora fuorilegge

Condividi questo articolo:

Acqua potabile con un contenuto di arsenico, boro e fluoriri oltre i limiti di legge. Lazio, Toscana e Campania le regioni imputate da Legambiente

Arsenico, boro e fluoruri oltre i limiti di legge nell’acqua che sgorga dai rubinetti di un milione di italiani: l’acqua potabile fornita nelle loro abitazioni è di scarsa qualità e non sicura. A lanciare l’allarme è un dossier di Legambiente e Cittadinanzattiva ‘Acque in deroga’, secondo cui le famiglie dei 112 i comuni italiani interessati da deroghe, ovvero da leggi speciali che consentono di tenere aperti gli acquedotti anche se ricchi di sostanze fuorilegge, bevono ancora acqua pericolosa.

Il dossier ‘Acque in deroga’ traccia la mappa delle località ‘fuorilegge’ e ricostruisce la questione delle deroghe negli ultimi nove anni. Dal 2003 al 2009, 13 regioni hanno richiesto le deroghe, ma attualmente a superare i valori massimi consentiti sono soltanto il Lazio con 90 comuni coinvolti, la Toscana con 21 e la Campania con uno. In totale sono quindi 112 Amministrazioni, che dovranno mettersi in regola entro la fine del 2012 come previsto dal decreto legislativo n. 31 del 2001. ‘Il problema – spiega Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente – e’ che in Italia lo strumento della deroga, inizialmente previsto solo come misura transitoria per dare tempo alle autorità competenti di realizzare gli interventi necessari, e’ stato adottato con leggerezza’. In pratica, sostiene Zampetti, la deroga si e’ trasformata in ‘un espediente per prendere tempo e alzare i limiti di legge rispetto ad alcune sostanze fuori parametro’. 

L’acqua all’arsenico torna quindi a fare paura. L’allarme sulla velenosa acqua era stato rievocato qualche mese fa, quando una sentenza storica aveva condannato il Ministero dell’Ambiente e il Ministero della Salute a risarcire i cittadini. La situazione, promettevano, sarebbe cambiata al più presto e le autorità avrebbero svolto i lavori quanto prima. Ma in 112 comuni la situazione sembra essere solo peggiorata.  

(GC)

Questo articolo è stato letto 25 volte.

acqua, acqua all'arsenico, acqua contenete sostanze illegali, acqua inquinata, acqua non potabile, acqua potabile, acqua velenosa, campania, lazio, toscana

Comments (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net