lattuga

Una lattuga che viene dallo spazio

Condividi questo articolo:

lattuga

Positivo il bilancio di questa coltivazione extraterrestre: la lattuga non è solo buona, ma anche nutriente e sana.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Plant Science, la lattuga coltivata nello spazio non è solo deliziosa, ma è altrettanto nutriente e sicura da mangiare, esattamente come quella (molto meno esotica) che coltiviamo sulla Terra.

«La capacità di coltivare alimenti freschi e sicuri per integrare gli alimenti confezionati degli astronauti nello spazio è stato un obiettivo importante per la NASA», si legge nel documento.

Dopo un esame approfondito della lattuga coltivata a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, i ricercatori hanno concluso che mostrava a malapena piccole differenze rispetto alla lattuga terrestre – e queste differenze riguardavano i cambiamenti trascurabili nel contenuto di alcuni metalli, tra cui ferro, potassio e zinco.

Gli astronauti hanno coltivato lattuga sulla Stazione Spaziale Internazionale tra il 2014 e il 2016.

Un controllo della NASA sulla Terra ha replicato le condizioni esatte da confrontare in seguito e i risultati sono stati incoraggianti: le due lattughe erano quasi esattamente le stesse, perfino nelle comunità microbiche trovate sulle piante.

Sicuramente, c’è da dire che la coltivazione della lattuga è molto più facile rispetto ad altre verdure.

«Pomodori e peperoni, che speriamo di coltivare quest’anno e il prossimo, avranno bisogno di condizioni di crescita simili», ha detto l’ astronauta e ricercatrice del Kennedy Space Center Christina Khodadad ad Astronomy.

«Ma poiché impiegano molto più tempo a crescere (28 giorni contro 80 giorni), sono un investimento molto più grande di tempo e risorse».

Questo articolo è stato letto 27 volte.

cibo extraterrestre, coltivata, lattuga, spazio, Stazione Spaziale Internazionale

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net