te verde

Tè verde, caffè per ridurre il rischio di un secondo attacco di cuore

Condividi questo articolo:

te verde

A dirlo, uno studio condotto in Giappone su 46.000 adulti di età compresa tra 40 e 79 anni

Una nuova ricerca proveniente dal Giappone e pubblicata sulla rivista Stroke rileva che i sopravvissuti a un infarto o a un ictus del miocardio che bevono molto caffè e tè verde possono vivere una vita più lunga.

Secondo lo studio, i sopravvissuti all’ictus che bevevano almeno sette tazze al giorno di tè verde avevano il 62% in meno di probabilità di morire durante il periodo di studio, rispetto ai non bevitori.

Allo stesso modo, il rischio è stato ridotto del 53% tra i sopravvissuti all’infarto del miocardio che hanno bevuto altrettanto tè.

Ma anche il caffè non scherza in quanto a utilità.

Secondo la ricerca, per i sopravvissuti ad un attacco di cuore – così come per le persone senza problemi cardiovascolari – anche l’assunzione moderata di caffè è collegata a una migliore sopravvivenza. Ma il beneficio del caffè non si estende, tuttavia, ai sopravvissuti all’ictus.

Ovviamente, i risultati dello studio non dimostrano che queste due bevande siano elisir di lunga vita, ma aggiungono prove al fatto che i composti vegetali chiamati flavonoidi sono buoni per la salute cardiovascolare – se si evita di caricarli di zuccheri ovviamente.

Lo studio, che è stato condotto dal dottor Hiroyasu Iso dell’Università di Osaka, ha coinvolto più di 46.000 adulti giapponesi di età compresa tra 40 e 79 anni che sono stati seguiti per circa 20 anni. Il gruppo comprendeva 478 sopravvissuti a ictus e 1.214 sopravvissuti a infarto. All’inizio, i partecipanti hanno compilato questionari sulla loro dieta e altre abitudini di vita.

Alla fine dello studio, erano morte 9.253 persone.

In generale, i ricercatori hanno scoperto che le persone che bevevano quantità moderate di caffè avevano meno probabilità di morire durante il periodo di studio, specialmente se avevano una storia di infarto. Coloro che bevevano due o più tazze al giorno avevano il 39% in meno di probabilità di morire, rispetto ai non bevitori. C’è stata una minore riduzione del rischio tra le persone senza storia di problemi cardiaci o ictus. Dal canto suo, il tè verde sembrava benefico tra i sopravvissuti a ictus e infarto: più tè verde bevevano, meglio era.

Naturalmente, gli amanti del caffè e del tè verde possono essere diversi dai non bevitori in molti modi – i ricercatori hanno tenuto conto di una serie di spiegazioni alternative, tra cui esercizio fisico e abitudini alimentari e se le persone fumavano o avevano la pressione alta – ma nonostante tutto questo, tè e caffè hanno continuato a essere utili.

 

 

Questo articolo è stato letto 44 volte.

caffè, ridurre rischio di infarto, tè verde

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net